200 posti a bordo delle navi Carnival

La flotta Carnival Cruise chiama 200 profili a bordo delle proprie navi. La compagnia, che ha 22 navi all’attivo e altre due in costruzione nel cantieri di Monfalcone, conta in media ogni anno dai 160 ai 200 nuovi inserimenti. Tra le figure più ricercate ci sono quelle in divisa.
Partendo dai capitani e dagli aspiranti capitani di lungo corso, capitani e aspiranti capitani di macchina passando per periti elettronici e elettromeccanici insieme ai frigoristi. In questo caso le candidature si possono inviare all’indirizzo di posta elettronica [email protected] o via fax al numero 0037792050225.
Intorno ai tavoli verdi, invece, sono richiesti dealers esperti di Blackjack e Roulette, cassieri e tecnici di macchine da gioco: questi dovranno avere un po’ di esperienza e un’ottima conoscenza della lingua inglese.
Per queste posizioni le candidature si possono inserire sul sito www.oceancasinojobs.com.

Total
0
Shares
2 comments
  1. Dear Mr. MAROSSA
    Please ansver in e mail for employment on your companny.
    i am chief enginner in msc companny with expirience more then 30 years on the
    sea.
    Please information for condition of work in carnival companny.

Lascia un commento
Previous Article

Firenze, blocco auto e il Battistero non traballa

Next Article

L’uomo mascherato è un giornalista

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.