2 Borse dall’Università di Siena per finanziare la ricerca

Sono due le borse di studio che l’Università di Siena ha messo a disposizione per finanziare ricerca da svolgersi all’interno dei suoi dipartimenti, riservate rispettivamente a laureati in Medicina e Chirurgia e a laureati del corso di laurea specialistica in Ingegneria Microelettronica.
La prima borsa, dell’importo di 2.800 euro e della durata di due mesi, è finalizzata allo svolgimento di attività di ricerca, da realizzare presso il laboratorio di Elettronica, elettrotecnica e misure del dipartimento di Ingegneria dell’informazione dell’Ateneo senese, sul tema: “Caratterizzazione e confronto di tipologie ad elevate prestazioni di Flip-Flop per microprocessori in tecnologie CMOS e Fin-FET”.
La scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 21 luglio 2008.

L’altra borsa, dell’importo di 8.000 euro e della durata di otto mesi, è invece finalizzata alla realizzazione di attività di ricerca, da svolgersi presso la sezione di Immunologia clinica del dipartimento di Medicina Clinica e Scienze Immunologiche dell’Ateneo senese e presso gli stabilimenti termali delle Terme Antica Querciolaia Spa di Rapolano Terme, sul tema “Balneoterapia bicarbonato-solfato alcalino terrosa nel trattamento dell’osteoartrosi del ginocchio”.
La domanda di ammissione dovrà essere consegnata entro il 23 luglio 2008.
Le domande per partecipare a entrambi i concorsi devono essere inviate all’Ufficio premi e borse di studio dell’Università di Siena; per maggiori informazioni si può visitare il sito www.unisi.it oppure si può chiamare il numero di telefono 0577-232421.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Uno stipendio all'altezza

Next Article

My Chef offre posti nei ristoranti degli aeroporti

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.