Il 19 febbraio torna "M'illumino di meno": gli studenti protagonisti

Il 16 febbraio ricorre l’anniversario della firma del trattato di Kyoto. Per questa occasione la trasmissione radiofonica Caterpillar di Rai Radio2 ha indetto la Giornata del Risparmio Energetico, un’iniziativa per sensibilizzare la società civile sui temi del risparmio energetico. Come ogni anno, dal 2005, viene  individuata una giornata simbolica a chiusura della campagna comunicativa della durata di un mese che per l’attuale edizione sarà venerdì 19 febbraio.
Obiettivo dell’iniziativa “M’illumino di meno” è creare il buio artificiale, coinvolgendo l’intera comunità a compiere un gesto simbolico che permetterà di far calare i consumi energetici giornalieri, spegnendo tutte le luci e i dispositivi elettrici non indispensabili. Dato che l’attività scolastica si svolge prevalentemente di mattina, per le scuole è previsto un “fuso orario” speciale che prevede cinque minuti di “buio” alle ore 12 sempre di venerdì 19 febbraio.
Il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca si rivolge alle istituzioni scolastiche affinché gli studenti, il personale docente e non docente si renda consapevole dei problemi legati al consumo sconsiderato dell’energia elettrica. La scuola, luogo di formazione dei giovani, ha il compito di educare al rispetto dell’ambiente e sensibilizzare gli studenti a riguardo.
L’iniziativa avrà successo se sia i privati che le istituzioni pubbliche parteciperanno in modo attivo spegnendo tutto ciò che è possibile. La partecipazione all’iniziativa del mondo della scuola è un atto doveroso.
Gli studenti, dimostrandosi sensibili alle problematiche connesse al tema in questione, hanno già avanzato delle proposte ma per metterle in atto hanno bisogno del contributo e della collaborazione del dirigente scolastico, dei docenti e del personale non docente, nonché dei genitori. Il MIUR, dal canto suo, ha diffuso e ribadito agli studenti i 10 punti chiave del protocollo di Kyoto sul risparmio energetico e sull’uso corretto delle risorse:

  1. 1. spegnere le luci quando non servono;
  2. 2. spegnere e non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici;
  3. 3. sbrinare frequentemente il frigorifero e tenere la serpentina pulita e distanziata dal muro in modo che possa circolare l’aria;
  4. 4. mettere il coperchio sulle pentole quando si bolle l’acqua ed evitare sempre che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola;
  5. 5. se si ha troppo caldo abbassare i termosifoni invece di aprire le finestre;
  6. 6. ridurre gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria;
  7. 7. utilizzare le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne;
  8. 8. non lasciare tende chiuse davanti ai termosifoni;
  9. 9. inserire apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni;
  10. 10. utilizzare l’automobile il meno possibile e se necessario condividerla con chi fa lo stesso tragitto.

Sul sito Internet del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca www.istruzione.it e su quello di Caterpillar www.caterpillar.rai.it sarà possibile trovare ulteriori informazioni e aderire direttamente all’iniziativa “M’illumino di meno” attraverso la compilazione del form nell’apposita sezione “Aderisci a M’illumino di Meno”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Due studenti su dieci hanno perso la borsa di studio: "Colpa del nuovo ISEE"

Next Article

Una classe intera contro il magnate: "Mettiamo 50 centesimi a testa, l'isola di Budelli sarà nostra"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident