15.000 euro per laureati in discipline biomediche

L’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri” ha messo a disposizione una borsa di studio riservata a giovani laureati in discipline biomediche che vogliono partecipare a dei progetti di ricerca di natura sperimentale o clinica. La borsa avrà la durata di 12 mesi e sarà finalizzata a dei progetti di ricerca rivolti all’individuazione di nuovi o più efficaci apporti terapeutici o diagnostici nei campi della nefrologia, ematologia, immunologia, sistema nervoso centrale, cardiovascolare e oncologia. Le attività si svolgeranno presso i laboratori di una delle tre sedi dell’Istituto: Milano, Bergamo, S. Maria Imbaro (Chieti).
La borsa ammonta a 15.000 euro annui, al lordo degli oneri fiscali, che verranno erogati in rate mensili posticipate. Sono ammessi al concorso i candidati laureati in medicina, scienze biologiche, farmacia, chimica e tecnologie farmaceutiche, chimica, veterinaria, biotecnologie e discipline affini, di età non superiore a 35 anni, nati o residenti nella regione Sicilia, aventi almeno un anno di esperienza nel campo della ricerca biomedica.
Il titolare della borsa di studio sarà obbligato a frequentare l’Istituto e al termine del periodo della borsa il dovrà presenterà all’Istituto ed alla Fondazione Musarra Onlus una particolareggiata relazione sull’attività di ricerca svolta. La domanda di partecipazione, redatta in carta semplice, dovrà essere indirizzata alla Fondazione Musarra Onlus, e inviata all’indirizzo via Messina 51, 98071 Capo d’Orlando (ME) entro il 31 Maggio 2008. L’inizio dell’attività di ricerca è prevista per il mese di settembre.

Total
0
Shares
1 comment
  1. …neanche 1100 euro al mese… che vergogna!! se avessi fatto il barista 5 anni fa prima di cominciare l’universita avrei guadagnato di piu e a quest’ora avevo già 5 anni di reddito con magari già 5 anni di mutuo pagato…

Lascia un commento
Previous Article

Hertz Italia cerca tirocinanti

Next Article

2.000 euro per tesi sull’alluminio

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.