15 specialisti di software a Roma e nel nord

Esa Software ricerca una quindicina di informatici esperti per potenziare diverse sedi italiane. Per quanto riguarda Roma, la società assume un responsabile per lo sviluppo e due funzionari commerciali; queste figure non dovranno avere più di 45 anni e conoscere bene il mercato di riferimento.

Per le città di Mantova, Padova e Rimini si cercano, invece, analisti programmatori: chi si candiderà per questa posizione dovrà avere un’età compresa tra i 22 e i 35 anni e un diploma in ragioneria con indirizzo programmazione. Si assumono poi consulenti applicativi per le sedi di Bologna e Milano e un responsabile vendite di software a Milano: l’esperienza costituisce, per questo ruolo, un requisito indispensabile.
I contratti offerti sono di vario genere e tengono conto anche delle esigenze dei prescelti. Gli interessati troveranno tutti i profili elencati e le modalità di candidatura sul sito www.esasoftware.com visitando la sezione “opportunità di lavoro”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Crui, Decleva boccia Tremonti

Next Article

Le prospettive del dottorato

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.