130 periti al Ministero dell'Interno

Il Ministero dell’Interno ha indetto un concorso per 130 posti da assistente. Il profilo del candida…

Il Ministero dell’Interno ha indetto un concorso per 130 posti da assistente. Il profilo del candidato ideale è il seguente: un diploma di perito informatico o diploma equipollente, con specializzazione in informatica, oppure, ancora, diploma di scuola secondaria di secondo grado e corso di formazione in informatica, di durata non inferiore alle 600 ore, con esame finale certificato, rilasciato da un istituto riconosciuto.
I nuovi profili professionali servono al Dipartimento per le politiche del personale dell’amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie per le esigenze degli uffici centrali e periferici del Viminale.
In particolare, gli assistenti prescelti saranno inseriti nelle sedi delle seguenti regioni: Abruzzo, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Piemonte, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto.
Domande di partecipazione soltanto on line utilizzando la proceduta sul sito . C’è tempo fino al 28 gennaio.
I concorrenti dovranno affrontare una preselezione, consistente nella risoluzione di quesiti a risposta multipla riguardanti argomenti di cultura generale e di attualità.
Seguiranno due prove scritte, di cui una a contenuto teorico-pratico, su argomenti informatici, e una prova orale sulla stessa materia e su diritto privato, diritto comunitario, disciplina del rapporto di lavoro relativo al personale del comparto ministeri e attività istituzionali e organizzazione degli uffici centrali e periferici del ministero.
Durante il colloquio sarà accertata la conoscenza anche di una lingua straniera scelta tra inglese, francese, tedesco, spagnolo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Specializzarsi sulle animazioni web

Next Article

“Il futuro ci interessa”

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.