Cento opportunità di impiego per promuovere la diversità

diversita.jpgUn evento inconsueto, che guarda con interesse alla diversità: venti aziende che scelgono di selezionare candidati con caratteristiche particolari  e cento opportunità di inserimento per tutti coloro che fanno fatica ad inserirsi nel mondo del lavoro.
Ritorna così la seconda edizione “Diversitalavoro”, il progetto promosso da Synesis Career Service, Fondazione Sodalitas, Fondazione Adecco per le Pari Opportunità e UNAR, con l’obiettivo di favorire l’inserimento lavorativo di persone con disabilità e di persone di origine straniera.
Ogni anno, attraverso Diversitalavoro, si moltiplicano le opportunità di informarsi, di orientarsi e di incontrare personalmente i responsabili del personale di grandi aziende italiane ed internazionali. Nell’ottica di coinvolgimento del mondo produttivo, Diversitalavoro diviene un momento di incontro itinerante con scenario la sede stessa delle aziende partecipanti, che in tal modo hanno la possibilità di valorizzare le buone pratiche messe in atto per promuovere le Pari Opportunità.
Il prossimo 2 aprile sarà la sede di L’Oreal Italia ad ospitare le 20 grandi aziende che incontreranno i selezionati. Coloro che avranno inviato la propria candidatura online, sul sito www.diversitalavoro.it, potranno infatti partecipare a colloqui di inserimento sulle oltre 100 posizioni di lavoro aperte.
“Il progetto – sottolinea Nathalie Angulo – responsabile reclutamento e diversity del gruppo L’Oreal per l’Italia – è nato da un’esperienza francese del nostro Gruppo. Abbiamo pensato di portare aventi l’idea, coinvolgendo anche altre aziende. Successivamente sono state incontrate le persone con disabilità e gli stranieri. In relazione, poi, ai bisogni delle aziende abbiamo selezionato i candidati”.
Sarà infatti L’Oreal Italia ad aprire le porte della propria sede per accogliere l’evento; i promotori organizzeranno momenti di formazione dedicati ai candidati per prepararli ai colloqui con le imprese e incontri con i responsabili aziendali sui temi dell’integrazione lavorativa, non trascurando gli aspetti normativi.
Tra le aziende partner dell’evento: ABB, Accenture, Accor Services Italia, Adidas, Alcatel-Lucent, Allianz, Altran, Autogrill, Danone, Ernst & Young, Henkel, Ibm, Intesa Sanpaolo, Jt International Italia, Kpmg Advisory, Kraft, L’Oreal, Mazars, Michelin Italiana, Microsoft, Robert Bosch, Vodafone.
 

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Scajola: "Essere giovani oggi è molto più difficile"

Next Article

Riflessioni dal libro del Giudice Cantone

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".