Scajola: "Essere giovani oggi è molto più difficile"

claudio_scajola_ok.jpgNormativa antitrust, diritto della concorrenza, sicurezza dei prodotti, ma anche vini campani e low cost. Sono questi alcuni degli argomenti sviluppati dalle tesi specialistiche e di dottorato che hanno vinto il progetto “Sviluppo Economico 2008. Giro d’Italia tra gli Atenei”, promosso dalla Ministero per lo Sviluppo economico e dalla Fondazione Crui.
I dieci vincitori sono stati premiati ieri dal ministro Claudio Scajola nella sede romana della Conferenza dei rettori. Oltre alla targa ricevuta, i neodottori avranno anche una borsa di studio di 2000 euro e l’opportunità di svolgere uno stage formativo presso gli uffici del Ministero. Il progetto è nato con l’intento avviare una campagna di formazione/informazione sui temi chiave per la crescita del Paese, tenendo come faro la consapevolezza che i giovani sono i cittadini del futuro e risorsa insostituibile per lo sviluppo collettivo.
“Si tratta di una bellissima occasione di collaborazione tra il sapere e le istituzioni – ha esordito il ministro Scajola durante la cerimonia – che cerca di compensare il ritardo storico nel collegare la formazione dei giovani con il settore produttivo”. Un modo insomma di voltare pagina, soprattutto ora che le nuove generazioni potrebbero avere qualche difficoltà in più . “Per voi – ha affermato il ministro rivolgendosi ai vincitori – essere giovani è molto più difficile, selettivo, competitivo, di quanto non lo sia stato per noi” ed è per questo che il lavoro di chi si impegna subito su tematiche importanti per lo sviluppo dell’intero paese va riconosciuto e premiato.
Il progetto ha previsto nel corso dell’anno 22 seminari su temi come l’energia, la tutela del consumatore, il Made in Italy, le politiche di coesione. Complessivamente hanno partecipato al concorso 124 laureati, provenienti principalmente dall’area disciplinare in Giurisprudenza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In viaggio a Pompei con Alberto Angela

Next Article

Cento opportunità di impiego per promuovere la diversità

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".