“Zero a zero”: a Roma Tre il documentario che racconta la storia delle giovani promesse romane

Balbo-Fonseca

Una partita che finisce zero a zero può significare due cose: un pareggio privo di emozioni o la perfezione tattica di due squadre che non riescono a superarsi. In questo caso “Zero a zero” è il titolo di un film del regista Paolo Geremei, il quale ha ricostruito la vicenda di Marco CateriniAndrea Giulii Capponi e Daniele Rossi. I tre giovani calciatori, classe 1977, militavano nella A.S.Roma Primavera nella quale giocava un Francesco Totti allora poco più che adolescente. A differenza di quest’ultimo, e nonostante un talento unanimemente riconosciuto, Marco, Andrea e Daniele non ce l’hanno fatta. “Zero a zero” significa dunque la fatica di trovare un equilibrio e di tornare, sia pure a fatica, nel mondo normale senza sentirsi sconfitti dalla vita. Questione di fortuna? Di carattere? Sarà il film a tentare di svelare l’arcano, o meglio di lasciare la risposta alla sensibilità dello spettatore.

È prevista la presenza in sala del regista, dei protagonisti, del Prof. Francesco Crispino, docente Roma Tre e critico cinematografico, e di Abel Eduardo Balbo, indimenticato centravanti argentino della A.S. Roma di quegli anni (1993-1998 e poi 2000-2002).

L’evento si avvale della collaborazione delle Associazioni USACLI e UISP e rientra nel ciclo di conferenze dal titolo “In Facoltà, per Sport”. Con il patrocinio dell’Assessorato allo Sport di Roma Capitale e del CONI Lazio.

L’appuntamento è per Giovedì 13 febbraio 2014 ore 12, Aula 16 Scuola di Lettere, Lingue e Filosofia, via Ostiense 234.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, ecco 15 milioni di euro dal MIUR per i progetti pomeridiani e integrativi

Next Article

Per i bulli era "il sorcio". 15enne costretto a lasciare la scuola. Indagati quattro suoi coetanei

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.