Young Erasmus, 90 borse di tirocinio per diplomati in Europa

Il progetto E.A.S.Y. VET – Experiences Abroad for Staff and Young graduates in VET è un progetto di mobilità professionalizzante e prevede l’erogazione di 90 borse di studio. Previste 70 borse di studio ai diplomati che hanno conseguito il diploma presso istituti tecnici e professionali nell’a.s. 2016-2017 per la realizzazione di tirocini presso aziende ed enti localizzati in Spagna, Regno Unito ed Irlanda, ciascuno della durata di 4 mesi. E 20 borse di studio per staff di Istituti ed Enti VET per la realizzazione di esperienze di formazione on the job presso aziende ed enti localizzati in Spagna della durata di 2 settimane
Sono molti i settori coperti dalla borsa: turismo e ristorazione; moda e produzioni tessil; ICT, comunicazione e new media; commerciale, marketing, amministrazione e contabilità; elettronica ed elettrotecnica, meccanica e meccatronica; sociale e socio-sanitario; costruzione, ambiente e territorio. Il progetto consentirà ai tirocinanti di sperimentare il mercato del lavoro europeo e di realizzare progetti formativi conformi ai fabbisogni del tessuto produttivo. La realizzazione del soggiorno all’estero, di 120 giorni, permetterà ai ragazzi di sviluppare una conoscenza dello stile di vita del Paese ospitante e fornirà l’occasione di acquisire la conoscenza delle “microlingue”, ovvero dei linguaggi specifici della gestione e direzione aziendale, nonché di slang locali ed espressioni tipiche.
Il Bando scade il 25/03/2018. Per ulteriori informazioni sul progetto è possibile scrivere a: [email protected] o telefonare al numero 089330973. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giappone, 40 borse di studio da 1400 euro al mese per curatori, architetti, designer

Next Article

In Italia 7 universitari su 10 vivono con i genitori. Colpa della crisi economica

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.