Wikipedia dei numeri. Arriva Wikidata

Un database mondiale, un raccoglitore di ogni possibile dato o ricerca. E’ questo l’ambizioso progetto in via di realizzazione da parte degli scienziati di Wikimedia Deutschland. Si chiamerà Wikidata e proprio come Wikipedia sarà gestita dagli stessi utenti.

Un database mondiale, un raccoglitore di ogni possibile dato o ricerca. E’ questo l’ambizioso progetto in via di realizzazione da parte degli scienziati di Wikimedia Deutschland. Si chiamerà Wikidata e proprio come Wikipedia sarà gestita dagli stessi utenti.

«È un’idea molto semplice: vuole essere la Wikipedia dei dati – ha spiegato Pavel Richter, CEO di Wikimedia Deutschland – nel momento stesso in cui i dati sono prodotti non sappiamo come ma sono destinati a cambiare il mondo».

Il sogno di milioni di scienziati sta prendendo forma al punto da dichiarare che il portale sarà online nella primavera del 2013. Ci basterà inserire dati anagrafici, occupazione e istruzione per avere il risultato di tutte le persone con quelle caratteristiche. Un passo gigante nel futuro che sta sconvolgendo il web.

Ovviamente progetti di questa portata incontrano notevoli difficoltà nella realizzazione, Wikidata vuole essere un modello di qualità e quindi il primo step sarà mettere in connessione ricercatori ed esperti al fino di inserire dati concreti e veritieri. «L‘idea non è quella di raccogliere il maggior numero di dati possibile sul nostro sito ma quello di renderli più utili: per questo spetta alla comunità scegliere quale tipo di dati caricare» osserva Daniel Kinzler, altro dei membri del progetto.

Martina Gaudino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Spending review, appello a Monti: “discriminazione inconcepibile” per gli extracomunitari

Next Article

Oltre 500mila euro per chi apre un'impresa a Milano

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.