Volontariato a Shanghai per scoprire l'Oriente

Teacher’s desk in classroom

Il tuo sogno è diventare insegnante ma non sai da dove partire per acquisire esperienza? Scopri Global Talent. Questo programma realizzato da AIESEC ti permette di muovere i primi passi nel mondo del lavoro, vivere un’esperienza internazionale e mettere in pratica tutto ciò che hai imparato durante la tua carriera universitaria. Avrai, inoltre, la possibilità di metterti alla prova e sviluppare nuove competenze trasversali, sempre più richieste dalle aziende oggigiorno.
Il progetto “New Oriental – Summer camp” ti da la possibilità di volare a Shanghai, Cina, per 8 settimane nel periodo 1 Luglio 2019 – 31 Agosto 2019, dove ti occuperai principalmente di preparare e tenere lezioni di inglese a ragazzi di età diverse, di controllare e correggere i compiti e partecipare agli incontri della scuola.
La quota associativa per partecipare al programma Global Talent è di 400 euro. La retribuzione mensile prevista è di 3500 CNY. Vitto e alloggio sono inclusi nella quota di partecipazione.
AIESEC è il network internazionale di giovani più grande al mondo, presente in più di 120 Paesi e Territori. L’ obiettivo principale è quello di sviluppare una leadership consapevole nei giovani tramite esperienze di volontariato e tirocinio all’estero.
Scadenza candidature: 30 Giugno 2019
Per essere contattato da un nostro responsabile e ricevere maggiori informazioni iscriviti al sito bit.ly/Insegnareallestero (non vincolante).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Clima, Bussetti invita a non partecipare alla marcia. Gli studenti: "Vergogna"

Next Article

Ecco perché il 14 marzo festeggiamo il Pi greco

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"