Vite da Covid, infermiera a Padova: "Ho vinto il virus. Non sottovalutiamo la fase due"

Oltre 150 medici e 100 infermieri sono deceduti in Italia durante l’emergenza pandemica da Covid-19. La prima settimana della fase due ha visto la diminuzione dei casi positivi conosciuti (83.324) e delle terapie intensive (1027); vi sono, però, contesti come quello della Lombardia e del Piemonte dove il contagio è tornato a salire. In Veneto, invece, la situazione sembrerebbe sotto controllo. Passata da essere una delle regioni con i primi focolai – quello di Vo’ Euganeo ad esempio – a quella che meglio ha risposto alla prima fase emergenziale della pandemia.

“L’emergenza è cambiata: c’è un sensibile calo dei ricoveri e questo dato è sotto gli occhi di tutti”, lo afferma Renata Chiusolo giovane infermiera del Centro universitario di ricerca e sperimentazione di Padova. “Questo, però, non deve farci abbassare la guardia: l’epidemia è ancora in atto”. In prima linea fin dall’inizio, la 29enne originaria di Orta Nuova (Foggia) ha vinto la sua personale battaglia contro il Covid-19: “Sono risultata positiva il 23 marzo dopo alcune settimane di lavoro in uno dei primi reparti covid aperti in città – racconta -. L’isolamento obbligatorio è durato 43 giorni”. Nel suo reparto circa un terzo ha contratto il virus. “La velocità con cui possono colpire i sintomi è disarmante. Sono stata molto male per una decina di giorni, con problemi respiratori, febbre alta, spossatezza, perdita di gusto e olfatto. E l’aggravarsi non è stato graduale: sono bastate poche ore”, sottolinea.

Una quarantena passata sempre in contatto h24 con il servizio igiene. Ma non sono mancati i problemi: “L’azienda ospedaliera doveva delegare ai medici di base ma non sono mai stata visitata. Solo indicazioni telefoniche, eppure stavo male – ricorda – . In quella fase non c’erano protocolli predefiniti e gli strumenti necessari non erano a disposizione di tutti”. Un’esperienza che ha lasciato il segno, anche a livello professionale. “Mi sento diversa rispetto all’inizio, quando tutti avevamo paura – confida -. All’inizio in reparto non sapevi quando era giorno o notte con turni che potevano raggiungere le 10-12 ore. Abbiamo visto molta gente morire in un modo in cui non eravamo abituati: soli, senza poter salutare i propri familiari”. In prima linea con un nemico invisibile: “Fondamentale la collaborazione del personale che ha fatto quadrato supportandosi a vicenda”.

Ora che l’Italia sta attraversando la cosiddetta fase due avverte: “Non è un liberi tutti, dobbiamo adottare tutte le dovute cautele – e confida -. Sono preoccupata. Qui in Veneto in molte attività, sia pubbliche che private, vengono fornite anche le mascherine, oltre a guanti e disinfettante. Ma in altre regioni del Nord non è così. Spero che gli italiani non si lascino andare, così da poter tornare in sicurezza alla normalità il più presto possibile”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Esame terza media, nuovo dietrofront su tesina e valutazione finale

Next Article

Quale sarà il futuro della scuola in Italia? Live streaming

Related Posts
Leggi di più

“Foto osé in cambio della sufficienza”: chiuse le indagini nei confronti del prof di matematica. Nei guai anche la preside che non denunciò

La Procura di Cosenza ha chiuso le indagini preliminari sul caso delle presunte molestie al liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero. Il docente accusato di violenza sessuale, tentata violenza sessuale, molestie sessuali e tentata estorsione. In un caso chiese a una ragazza di scattarsi una foto del seno se voleva ottenere il 6 nella sua materia.