Quale sarà il futuro della scuola in Italia? Live streaming

#LASCUOLANONSIFERMA

Edu Day, il più grande evento Microsoft dedicato al mondo della scuola, dell’università e dei musei, organizzato in collaborazione con il MIUR e la CRUI.  La quinta edizione integralmente online in diretta web dalle ore 10 alle 13, i più importanti rappresentanti delle istituzioni del mondo educational racconteranno insieme a scuole e università le sfide affrontate nell’emergenza coronavirus, e ne analizzeranno le opportunità di crescita digitale. 

Seguite con noi la diretta:

Con loro anche il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina e il Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi.

L’evento si inserisce nella cornice di iniziative in collaborazione con il MIUR dedicate alla digitalizzazione della scuola.

Staffetta di interventi di alcuni tra i più importanti rappresentanti delle istituzioni del mondo educational, che fianco a fianco a scuole e Università racconteranno le sfide affrontate in questo periodo e ne analizzeranno le opportunità di crescita digitale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vite da Covid, infermiera a Padova: "Ho vinto il virus. Non sottovalutiamo la fase due"

Next Article

Università, riduzione delle tasse e aumento borse di studio. Manfredi: "nel dl rilancio, fino a un miliardo e 400 milioni per atenei e ricerca".

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.