Provincia di Roma per una "Vita senza droga"

Pina Maturani, Max Gazzè, Sabas Pretelt De La Vega“Sniffare la cocaina fa davvero male. Alla persona e all’ambiente. Pensate che per produrre una sola dose di cocaina vengono distrutti dieci metri quadrati di boschi e di foresta amazzonica. E ancora, la produzione di un anno di cocaina fa si che scompaia un territorio esteso quanto la nostra Sardegna”. I dati allarmanti vengono presentati dall’Ambasciata della Colombia, Paese dove la produzione di cocaina sta causando danni incalcolabili all’ecosistema.
L’Ambasciata della Colombia in Italia – per affrontare concretamente il problema – ha lanciato l’iniziativa “Vita senza droga” , una campagna di sensibilizzazione rivolta ai media, all’opinione pubblica, ma soprattutto ai giovani.
Le Istituzioni italiane hanno risposto con molta attenzione alla campagna e nella Capitale – presso la sede della Provincia di Roma – è stata ospitata la conferenza di presentazione del progetto.
Il presidente del Consiglio Provinciale, Pina Maturani (nella foto accanto a Max Gazzè), si è detta molto onorata di offrire un contributo per una causa così importante, e che la Provincia di Roma – anche attraverso il presidente Zingaretti – è vicina e solidale con la Colombia tutta. “Dobbiamo stabilire un contatto con le giovani generazioni – ha esordito la Maturani – vogliamo lanciare messaggi di responsabilità e di dissuasione”.
L’Ambasciatore della Colombia Sabas Pretelt De la Vega ha invitato tutti ad impegnarsi per indurre la riduzione del consumo di droga, precisando che in Italia quello della cocaina va aumentando e soprattutto fra i giovani: “Ogni anno 240 mila ettari di terreno vanno in fumo per colpa della produzione della cocaina, causando un danno enorme all’ecosistema della Colombia e del mondo tutto. Il progetto che abbiamo messo in piedi mira ad informare ed educare le nuove generazioni a valide alternative all’uso di stupefacenti: lo sport, l’arte, la cultura e la musica sono solo alcuni esempi positivi.”
Big in concerto nella Capitale. Proprio la musica sarà motivo di incontro e riflessione grazie ad un concerto organizzato a Roma l’11 ottobre alle 18:30 in piazza del Popolo e a cui prenderanno parte molti nomi della musica italiana e colombiana. Andrés Cepeda, Juan Carlos Coronel, Kurt and Norman Band, Max Gazzè, Toni Esposito, i p quadro, Niccolò Fabi, Linda, Ghost, Lola Ponce, Giò di Tonno, sono alcuni dei nomi che hanno già aderito all’invito di “Vita senza droga”.
Sensibilità & civiltà. La conferenza, a cui hanno partecipato molti artisti ed atleti che hanno espresso il loro pieno appoggio e l’adesione al progetto, si è chiusa con l’invito dell’ambasciatore De la Vega e del presidente Maturani a partecipare in tanti al concerto di sabato per dare un segnale di sensibilità, ma soprattutto di civiltà.

Total
0
Shares
3 comments
  1. Ho visto tanti amici bruciare la loro giovinezza e la loro vita dietro la droga..a un certo punto sono cambiati e non sono più tornati come prima. Di iniziative come questa ce ne dovrebbero essere tante e l’idea del concerto è davvero molto bella!!

  2. Anch’io sono d’accordo con Carol, di iniziative come queste ce ne dovrebbero essere molte di più! Solo così si eviterà di far cadere nel vuoto il messaggio della manifestazione. E’ molto importante che tutti siano informati a dovere sui danni che la droga provoca nel fisico e nella mente. Spero siano in tanti a partecipare! Soprattutto fra i ragazzi…

Lascia un commento
Previous Article

13 commesse per La Gardenia

Next Article

30.000 euro per ricerche sull’AIDS

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.