Vignettisti per l’Europa

Concorso europeo che mira a sensibilizzare i vignettisti sui temi riguardanti le attualità europee e, attraverso le loro opere, stimolare l’opinione pubblica italiana ed europea.

Raccontare l’Europa in maniera divertente si può. E’ quanto proveranno a dimostrare i partecipanti alla prima edizione del Concorso per la migliore vignetta politica sull’UE pubblicata nei media italiani, organizzato dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, in collaborazione con Presseurop.eu  e la rivista Internazionale.

Il concorso mira a sensibilizzare i vignettisti sui temi riguardanti le attualità europee e, attraverso le loro opere, stimolare l’opinione pubblica italiana ed europea, utilizzando la forza espressiva dei disegni umoristici che spesso accompagnano le notizie. L’auspicio è che tale premio possa diventare un appuntamento annuale volto a promuovere la partecipazione al dibattito politico europeo, anche tramite delle illustrazioni divertenti.

L’invito a presentare le candidature per l’edizione 2011 del concorso è stato lanciato il 10 giugno 2011 e  la scadenza è fissata all’8 luglio 2011. I vincitori del concorso saranno annunciati e premiati il 2 ottobre 2011, nell’ambito dell’edizione 2011 del Festival Internazionale a Ferrara.

Maggiori informazioni e le regole del concorso sono disponibili sul sito della Rappresentanza in Italia della Commissione europea (https://ec.europa.eu/italia) e su quello di Internazionale (https://internazionale.it).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Assistenti tributari presso l'Agenzia delle entrate

Next Article

Primi scontri per il numero chiuso

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.