Vacanza quanto mi costi?

Vacanze: impossibile rinunciarci, ma anche troppo costose per partire. Il dilemma si presenta ogni anno, dopo gli ultimi esami e aver dismesso i panni da studente. Alla fine però sono in pochi a rimanere a casa, sono in tanti invece quelli che vanno a caccia di “sconti”.
Quando si parla di vacanze a misura di ragazzo, sorge però spontaneo domandarsi quali siano i modi migliori per abbattere i costi. DI seguito un elenco delle città europee più economiche:
Sunny Beach (Bulgaria)
Lla meno cara in assoluto è una meta estiva: per passare una vacanza low cost in Bulgaria, sulle rive del Mar Nero, basta andare a Sunny Beach, dove in una giornata è difficilissimo spendere più di 68 euro.
Ostrava (Repubblica Ceca)
Al secondo posto c’è Ostrava, città della Repubblica Ceca al confine con la Polonia. Per visitarla in 24 ore possono bastare 81 euro.
Antalya (Turchia)
Antalya è una delle mete più apprezzate della Turchia, ed è anche tra le più economiche: solo 83 euro al giorno.
Sofia (Bulgaria)
Al quarto posto troviamo Sofia: una giornata nella capitale della Bulgaria può costare appena 92 euro.
Istanbul (Turchia)
La quinta posizione delle città più economiche d’Europa è occupata da Istanbul. Per visitare la “perla del Bosforo” bastano 92 euro al giorno.
Dublino (Irlanda)
Dublino resta una meta europea mediamente economica: per una vacanza nella capitale irlandese possono servire in media 307 euro per 24 ore.
Venezia (Italia)
Per visitare Venezia in una giornata, tra i canali della Serenissima e piazza San Marco, dovrete investire 319 euro.
Londra (Gran Bretagna)
Londra è tra le mete europee meno economiche. Una vacanza nella capitale inglese comporta una spesa media di 324 euro al giorno per i turisti.
Stoccolma (Svezia)
Al penultimo posto una città dei Paesi Scandinavi. A Stoccolma, capitale della Svezia, un turista può spendere 330 euro in 24 ore.
Copenaghen (Danimarca)
La più cara in assoluto è Copenaghen. Passare una giornata nella capitale della Danimarca può costare fino a 357 euro, tra hotel, pasti e spese varie.
LEGGI ANCHE:
Vacanze per giovani, tutti i modi per risparmiare

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Accordo tra Link University e London School of Economics

Next Article

Laurea si o laurea no? I lavori accessibili senza formazione universitaria

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.