Usa, al via i dormitori misti nei college

Le chiamano gender neutral rooms, ovvero le stanze neutre, senza divisioni di sesso, l’ultima frontiera dei College usa. Una tendenza che si sta diffondendo negli Usa non solo negli istituti più progressisti, ma anche in quelli tradizionalmente meno innovatori.
«La nostra Università si impegna a fornire uno spazio accogliente e aperto a tutte le identità di genere, non solo a quelle tradizionali maschio-femmina», è ciò che si legge nel modulo d’iscrizione al Dartmouth College. Per la prima volta quindi nei dormitori universitari le autorità danno il loro benestare alla convivenza tra i due sessi.
Dietro la nuova regola, secondo il Boston Globe ci sarebbe la mano “invisibile” di comunità omosessuali che già da tempo fanno pressione sulle autorità accademiche per convincerle ad eliminare le distinzioni di genere nell’assegnazione dei dormitori, in quanto si sentono naturalmente più a loro agio con persone di sesso opposto.
Arriva quindi l’autorizzazione dell’istituto, sorpassando senza stupore i colleghi italiani. Nei collegi universitari di Urbino ad esempio ragazzi e ragazze vivono in stretto contatto all’interno dell’edificio, e i dormitori misti, che hanno vita piuttosto facile, non sono però mai stati ufficialmente riconosciuti dalle autorità. Oltreoceano si scoraggiano invece paradossalmente le convivenze di ragazzi legati sentimentalmente, assicurando, probabilmente non senza destare dubbi, che i coinquilini “sono solo amici”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

5 borse di studio per designer e progettisti

Next Article

Marcello Lippi sale in cattedra a Catania

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.