Marcello Lippi sale in cattedra a Catania

lippi.jpgMercoledì 16 aprile alle 10, nell’aula magna della facoltà di Agraria (via Santa Sofia 100), l’allenatore della nazionale italiana campione del mondo nel 2006 in Germania, Marcello Lippi, su invito del rettore Antonino Recca, incontrerà gli studenti dell’Università di Catania per parlare dell’importanza della formazione del “gruppo” in una squadra di calcio.
Nel curriculum del tecnico viareggino ci sono l’esperienza come calciatore nella Pistoiese e nella Sampdoria, ma soprattutto le “panchine” di Cesena, Atalanta, Napoli, Inter e Juventus, squadra, quest’ultima, con cui ha vinto cinque scudetti, una Coppa Italia, quattro Supercoppa italiana, una Coppa dei Campioni, una Supercoppa europea, una Coppa Intercontinentale. Per ben tre volte – nel 1997, nel 1998 e nel 2003 riceve l’Oscar del Calcio, come migliore allenatore. Nel 2004 viene poi nominato Commissario Tecnico della Nazionale italiana, che conduce sino alla vittoria del titolo iridato nella finale contro la Francia del 9 luglio 2006. Diventa così l’unico allenatore al mondo vincitore sia della Coppa del Mondo per nazionali sia per club.
L’ateneo catanese ritiene che Marcello Lippi rappresenti al meglio la tipologia dell’allenatore-manager, il capofila moderno di quella razza di allenatori che non sanno stare solamente sul prato dei campi da calcio ma sanno anche districarsi al meglio di fronte a telecamere o consigli di squadra, grazie anche a doti di cultura e signorilità che si lasciano alle spalle la vecchia immagine dell’allenatore uso solamente alle panchine.
L’incontro con gli studenti è promosso dall’Università di Catania e si avvale della preziosa collaborazione del professor Salvo Bianchetti, già allenatore del Catania e di altre squadre professionistiche.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Usa, al via i dormitori misti nei college

Next Article

Stage in Red Bull, varie posizioni aperte

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"