UNV INTERNSHIP PROGRAMME

“UNV Internship Programme” intende offrire a giovani laureati la possibilità di svolgere un tirocinio di dodici mesi in paesi in via di sviluppo.

Il Programma “UNV Internship Programme” è finanziato dalla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e curato da United Nations Volunteers (UNV), con la collaborazione del Dipartimento degli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite (UN/DESA).

Il programma intende offrire a giovani laureati la possibilità di svolgere un tirocinio di dodici mesi in paesi in via di sviluppo.

Le aree nelle quali i tirocinanti saranno impegnati sono state identificate da UNV d’intesa con la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri. Esse sono:

– governance

– politiche di genere

– tecnologie dell’informazione

– micro-imprese

– lotta alla povertà

– sviluppo sostenibile

– ambiente

REQUISITI

Titoli: Essere a conoscenza delle tematiche di aiuto allo sviluppo e in possesso di uno dei seguenti titoli accademici: a) laurea conseguita secondo il vecchio ordinamento universitario; b) laurea specialistica conseguita secondo il nuovo ordinamento universitario; c) laurea conseguita secondo il nuovo ordinamento universitario accompagnata da un titolo di  Master. Titolo universitario richiesto, se conseguito all’estero, è il Master o Maîtrise.

Lingue: Ottima conoscenza della lingua inglese. La conoscenza di altre lingue ufficiali delle Nazioni Unite costituisce titolo preferenziale.

Limiti di età: I candidati devono essere nati dopo il 1 gennaio 1985.

Nazionalità: Italiana.

Scadenza: I formulari di candidatura dovranno pervenire all’ufficio UN/DESA di Roma entro il 22 Luglio 2011. Non fa fede il timbro postale. Le domande pervenute in ritardo o incomplete non verranno prese in considerazione

I candidati preselezionati verranno intervistati nel mese di novembre 2011 e nel corso dell’intervista riceveranno informazioni riguardo i possibili incarichi, le sedi e le condizioni di servizio.

A gennaio 2012, i candidati selezionati prenderanno parte ad un corso di orientamento di due giorni a Bonn e raggiungeranno le sedi di destinazione a febbraio 2012. Verrà loro corrisposta da UNV una indennità mensile commisurata al costo della vita nel Paese di assegnazione.

Il formulario di candidatura, da redigere in inglese, è disponibile presso l’ufficio UN/DESA di Roma, o nei seguenti siti web: www.undesa.it e www.esteri.it. Il formulario dovrà essere accompagnato da una lettera di motivazione (in inglese, 200 parole al massimo), dal certificato di laurea con la lista degli esami sostenuti e dalla certificazione dei corsi post laurea (anche in fotocopia). Tale documentazione dovrà essere inviata al seguente indirizzo:

United Nations Department of Economic and Social Affairs (UN/DESA)

“UNV Internship Programme”

Corso Vittorio Emanuele II, 251 – 00186 ROMA

NOTA BENE

Le candidature ricevute via fax o e-mail non saranno ritenute valide. A causa dell’elevato numero di candidature previste, verranno contattati esclusivamente i candidati preselezionati per il colloquio. Per ulteriori informazioni consultare www.undesa.it oppure scrivere a [email protected].

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Alta formazione presso UNDESA - Fellowship Programme

Next Article

Scuola e Comune, progetti e idee

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.