UNV INTERNSHIP PROGRAMME

“UNV Internship Programme” intende offrire a giovani laureati la possibilità di svolgere un tirocinio di dodici mesi in paesi in via di sviluppo.

Il Programma “UNV Internship Programme” è finanziato dalla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e curato da United Nations Volunteers (UNV), con la collaborazione del Dipartimento degli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite (UN/DESA).

Il programma intende offrire a giovani laureati la possibilità di svolgere un tirocinio di dodici mesi in paesi in via di sviluppo.

Le aree nelle quali i tirocinanti saranno impegnati sono state identificate da UNV d’intesa con la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri. Esse sono:

– governance

– politiche di genere

– tecnologie dell’informazione

– micro-imprese

– lotta alla povertà

– sviluppo sostenibile

– ambiente

REQUISITI

Titoli: Essere a conoscenza delle tematiche di aiuto allo sviluppo e in possesso di uno dei seguenti titoli accademici: a) laurea conseguita secondo il vecchio ordinamento universitario; b) laurea specialistica conseguita secondo il nuovo ordinamento universitario; c) laurea conseguita secondo il nuovo ordinamento universitario accompagnata da un titolo di  Master. Titolo universitario richiesto, se conseguito all’estero, è il Master o Maîtrise.

Lingue: Ottima conoscenza della lingua inglese. La conoscenza di altre lingue ufficiali delle Nazioni Unite costituisce titolo preferenziale.

Limiti di età: I candidati devono essere nati dopo il 1 gennaio 1985.

Nazionalità: Italiana.

Scadenza: I formulari di candidatura dovranno pervenire all’ufficio UN/DESA di Roma entro il 22 Luglio 2011. Non fa fede il timbro postale. Le domande pervenute in ritardo o incomplete non verranno prese in considerazione

I candidati preselezionati verranno intervistati nel mese di novembre 2011 e nel corso dell’intervista riceveranno informazioni riguardo i possibili incarichi, le sedi e le condizioni di servizio.

A gennaio 2012, i candidati selezionati prenderanno parte ad un corso di orientamento di due giorni a Bonn e raggiungeranno le sedi di destinazione a febbraio 2012. Verrà loro corrisposta da UNV una indennità mensile commisurata al costo della vita nel Paese di assegnazione.

Il formulario di candidatura, da redigere in inglese, è disponibile presso l’ufficio UN/DESA di Roma, o nei seguenti siti web: www.undesa.it e www.esteri.it. Il formulario dovrà essere accompagnato da una lettera di motivazione (in inglese, 200 parole al massimo), dal certificato di laurea con la lista degli esami sostenuti e dalla certificazione dei corsi post laurea (anche in fotocopia). Tale documentazione dovrà essere inviata al seguente indirizzo:

United Nations Department of Economic and Social Affairs (UN/DESA)

“UNV Internship Programme”

Corso Vittorio Emanuele II, 251 – 00186 ROMA

NOTA BENE

Le candidature ricevute via fax o e-mail non saranno ritenute valide. A causa dell’elevato numero di candidature previste, verranno contattati esclusivamente i candidati preselezionati per il colloquio. Per ulteriori informazioni consultare www.undesa.it oppure scrivere a [email protected].

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Alta formazione presso UNDESA - Fellowship Programme

Next Article

Scuola e Comune, progetti e idee

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.