Università: top Politecnico Milano

(ANSA) Primo il Politecnico di Milano, seguito dall’Università di Bologna e da La Sapienza-Università di Roma: questo il podio dei migliori atenei italiani secondo uno studio di QS Quacquarelli Symonds, che ha eletto con il QS Graduate Employability Rankings 2020 le 500 migliori università del mondo, soprattutto sotto il profilo della ‘occupabilità’ dei propri laureati. La graduatoria tiene conto delle informazioni che le stesse università hanno fornito che è quanto hanno fatto per l’Italia 17 che sono tutte riuscite a figurare tra le top 500 al mondo. Il primo posto del Politecnico di Milano nella classifica 2020 sconta in realtà la perdita di cinque posizioni rispetto a quest’anno (da 36 a 41) ma rimane il “numero 1 incontrastato in Italia”. L’Università di Bologna ottiene il 18/mo posto nello stesso indicatore e sale all’84/mo nella classifica. Guadagna invece cinque posizioni la Sapienza-Università di Roma che si classifica 93/ma.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Azioni di sciopero per l'intera giornata dal 27 settembre 2019 riguardanti tutto il personale scolastico

Next Article

BNL Gruppo BNP Paribas cerca laureati per la Rete Life Banker

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.