Università: ecco le date dei test d'ingresso 2015/16. Si comincia il 4 settembre

Candidates applying for a place at the Medical University of Vienna sit an exam in a hall of the fair grounds in Vienna on July 5, 2013. According to unofficial data, almost 10,000 people are applying for only 700 places available. AFP PHOTO / PATRICK DOMINGO (Photo credit should read Patrick Domingo/AFP/Getty Images)

Pubblicate le date per i test d’ingresso all’università 2015/2016. Il ministero dell’Istruzione ha reso noto i giorni in cui si terranno le prove d’accesso alle facoltà a numero chiuso: si comincia con professione sanitarie il 4 settembre, ma la data più clada sarà quella dell’8 settembre, quando si svolgeranno i test di Medicina, Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua italiana.
A seguire ci saranno le prove per accedere a Medicina Veterinaria, il 9 settembre e quelle per i corsi di laurea direttamente finalizzati alla professione di Architetto, il 10 settembre.
Anche Scienze della Formazione primaria avrà, quest’anno, una prova nazionale d’accesso che si terrà l’11 settembre. A chiudere, il 16 settembre, il test  d’ingresso per Medicina in lingua inglese.
Le modalità di svolgimento delle prove saranno rese note dal Miur solo con un prossimo decreto. Qui sotto il calendario completo dei test d’ingresso 2015/2016:
– Professioni sanitarie: 4 settembre 2015
– Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua italiana: 8 settembre 2015
– Medicina veterinaria: 9 settembre 2015
– Corsi di laurea e di laurea magistrale a ciclo unico, direttamente finalizzati alla professione di Architetto: 10 settembre 2015
– Scienze della Formazione Primaria: 11 settembre 2015
– Medicina e Chirurgia in lingua inglese: 16 settembre 2015.
 

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di venerdì 19 giugno

Next Article

Maturità, è il giorno della terza prova

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".