Università di Palermo. Riaperte le immatricolazioni: 1.700 posti disponibili

riaperte le immatricolazioni

Riaperte le immatricolazioni a 44 corsi universitari dell’Universitaùà di Palermo: quasi 1.700 i posti ancora disponibili. Dopo aver effettuato i test d’ingresso e pubblicato le graduatorie, l’Ateneo siciliano si è scoperto a corto di matricole. Molti dei posti vacanti vengono da quei corsi di studio in cui i candidati sono stati di numero inferiore rispetto alle possibilità offerte, ma numerosi sono anche i posti che risultano essere ancora liberi a causa dello scorrimento delle graduatorie. L’Università di Palermo, inoltre, ha reso noto che metterà a disposizione degli studenti comunitari anche i posti destinati a quelli extracomunitari.

“Il provvedimento  –  dice il prorettore vicario Vito Ferro – ha lo scopo di concludere, in tempi brevi, le procedure di immatricolazione degli studenti, e consentire l’assegnazione dei posti ancora disponibili prima dell’inizio delle lezioni del primo anno, previsto dal calendario didattico di Ateneo il 4 novembre”. Una buona notizia per tutti i ritardatari e per coloro che sono rimasti inizialmente esclusi dall’accesso agli studi universitari.

Il bando è rivolto, in ordine di priorità, a coloro che sono risultati idonei nel corso di studio prescelto per scorrimento di graduatoria; ai candidati soprannumerari idonei che hanno partecipato al test di accesso a corsi di studio della facoltà in cui vogliono immatricolarsi, ma non hanno trovato collocazione nel corso prescelto; ai vincitori del posto che non hanno formalizzato la procedura di immatricolazione; ai candidati che si sono collocati in graduatoria senza rientrare nel numero di posti disponibili; ai coloro che abbiamo pagato il Mav con il contributo per partecipare ai test, e non li abbiano poi svolti; ai candidati che si siano immatricolati al primo anno accademico e vogliano cambiare corso; agli aspiranti studenti che abbiamo partecipato ai test in altro ateneo italiano e ai candidati che vogliano trasferirsi da altro Ateneo e siano in possesso di meno di 25 crediti formativi.

I corsi di studio con maggiori disponibilità sono: Beni culturali ad Agrigento (175 su 230) alla facoltà di Lettere; Scienze della comunicazione per la cultura e le arti (158 su 297) alla facoltà di Scienze della formazione; Scienze politiche e delle Relazioni internazionali (108 su 300) alla facoltà di Scienze politiche; Educazione di comunità a Scienze della formazione (102 su 230); Lettere (80 su 300). Nessuna possibilità di immatricolazione in ritardo per i corsi a programmazione nazionale.

La domanda deve essere consegnata alle Segreterie studenti, edificio 3 di viale delle Scienze o inviata via mail all’indirizzo segreterie. [email protected] it, entro il 30 ottobre, riportando obbligatoriamente nell’oggetto “Immatricolazione fuori termine”. Le graduatorie verranno pubblicate entro il 4 novembre.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vincere il concorsone e stare a casa

Next Article

ORIENTASUD, 29 - 31 OTTOBRE. ALLA STAZIONE MARITTIMA LA 14^ EDIZIONE

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".