Università di Bari in prima linea nella valorizzazione dell’olio extravergine d’oliva di qualità

Calendario impegnativo quello dell’Università di Bari impegnata nella valorizzazione dell’olio extravergine d’oliva. Pugliese si, s’intende, ma non solo. “Conoscere le proprietà benefiche appunto dell’olio extravergine d’oliva dal punto di vista oggettivo della scienza – spiega Antonio Moschetta, ordinario di Medicina interna dell’Ateneo – ci permette di valutare una riflessione più consapevole sullo stile di vita che conduciamo e di conseguenza di porre maggiore attenzione alla nostra salute”.
Moschetta, assieme alla professoressa Maria Lisa Clodoveo, docente di Scienze e tecnologie alimentari, è firmatario di una serie di iniziative a supporto della diffusione e della conoscenza delle proprietà salutari che questo prezioso alimento contribuisce decisamente alla salute.
“Promuovere l’olio extravergine d’oliva di qualità e le buone pratiche di produzione, utilizzo e conservazione – commenta Maria Lisa Clodoveo – è responsabilità di chi svolge attività di ricerca scientifica per il progresso dei processi produttivi e di interazione. Nel nostro Dipartimento sono numerose le attività di studio volte in tal senso. Non ultima l’iniziativa che si svolgerà giovedì 23 gennaio contro le frodi e le contraffazioni olearie che danneggiano il made in Italy e la petizione No Evoo Low Cost, in linea con le direttive Ue, per vietare la vendita al di sotto del costo di produzione e attuare azioni di protezione nei confronti dell’imprenditoria agricola”.
L’impegno dell’Università di Bari continua con il progetto “Evoo Research’s Got Talent, Premio internazionale che valuta i migliori ricercatori universitari negli studi scientifici nell’olio extravergine d’oliva. Progetto patrocinato da Mipaaf, Regione Puglia, Coi e associazioni del settore, che impegna trentacinque giovani provenienti da tutti il mondo.
Mentre, intanto, nella vicina Bitonto la rassegna “Scienza e Cibo”, promossa dallo Chef Emanuele Natalizio, ha affiancato al percorso di approfondimento universitario sugli aspetti salutistici la pratica, ovvero una degustazione di sette varietà olearie di Aziende pugliesi che si distinguono per la qualità produttiva in abbinamento a piatti realizzati dallo stesso Chef in collaborazione con altri colleghi.
telebrosa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Non abbiamo studenti nomadi": scuola nella bufera

Next Article

Università di Oxford: la sugar tax funziona, 30% in meno di zucchero nelle bevande

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.