Università di Oxford: la sugar tax funziona, 30% in meno di zucchero nelle bevande

in Gran Bretagna, il consumo di zucchero nelle bevande è diminuito di oltre un cucchiaino per persona ogni giorno grazie alla sugar tax, secondo uno studio della prestigiosa università di Oxford. In termini percentuali, dal 2015 lo zucchero contenuto nelle bevande analcoliche vendute nel Regno Unito è diminuito del 30%, equivalente a una riduzione giornaliera di 4,6 g per persona.
Come funziona la tassa
La tassa introdotta nel paese nel 2018 fa prevede un prelievo di 28 centesimi per litro sulle bevande contenenti più di 8 g di zucchero per 100 ml e di 21 per litro sulle bevande contenenti tra 5 g e 8 g per 100 ml. Come scrive Daily Mail, la tassa, annunciata dal governo di David Cameron nel 2016 e introdotta da Theresa May nel 2018, ha visto molte aziende ridurre la quantità di zucchero nelle loro bevande per evitare il prelievo. “I ricercatori hanno affermato che il 73% della riduzione è stato guidato da questa “riformulazione” o dall’introduzione di nuove bevande a basso contenuto di zucchero e che il 27% è dovuto a cambiamenti nel comportamento di acquisto” scrive il quotidiano britannico.
Lo studio
I ricercatori hanno valutato lo zucchero in bevande gassate, zucca, succo di frutta, bevande energetiche, bevande sportive e acqua in bottiglia in vendita a Tesco, Sainsbury’s e Asda dal 2015 al 2018. Hanno combinato questo con i dati sulle vendite del settore dello stesso periodo per calcolare lo zucchero totale venduto nelle bevande analcoliche. È stato riscontrato che le più grandi società di bevande analcoliche hanno risposto al prelievo, con otto delle prime dieci società che hanno ridotto lo zucchero nei loro prodotti del 15% o più.
Gli accordi volontari non funzionano
La Coca-Cola ha ridotto del 17% il contenuto di zucchero totale delle sue bevande spingendo le vendite dei suoi marchi “Diet” e “Zero”. Gli esperti hanno accolto con favore il successo del prelievo sulle bevande analcoliche, ma hanno affermato che il cibo non ha visto la stessa riduzione del contenuto di zucchero. Probabilmente la differenza è dovuta al fatto che lo zucchero nei cereali e negli snack è soggetto a un accordo volontario con l’industria, invece che a un obbligo. In Italia, la sugar tax partirà dal 1° ottobre 2020: la Legge di Bilancio 2020 ha definito in 10 centesimo per litro, la tassa.
ilsalvagente

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università di Bari in prima linea nella valorizzazione dell’olio extravergine d’oliva di qualità

Next Article

Ricerca scientifica italiana danneggiata dalle norme privacy? Il problema

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".