Universiadi, il medagliere tricolore

universiadi.pngIl bottino azzurro alla manifestazione sportiva-accademica che si sta tenendo in questi giorni a Belgrado è di tutto rispetto. Ha raggiunto quota dieci il medagliere dell’Italia alla XXV Universiade in una giornata, quella di ieri, che ha registrato la grande impresa delle ragazze della pallavolo vincenti sulla Serbia per 3-2 dopo essere state in svantaggio per 2-0 davanti a diecimila persone e davanti a un tifoso d’eccezione, l’ambasciatore italiano Armando Varricchio.
Due medaglie sono arrivate dai nuotatori: quella d’argento dalla 4×100 maschile (Michele Santucci, Nicola Cassio, Vittorio Dania e Andrea Rolle) grazie al tempo di 3’16″07, mentre Federico Colbertaldo ha conquistato il bronzo nella 400 sl con il tempo di 3’47″17, battuto dal polacco Stanczyk (3’46″72) e dal statunitense Latourette (3’46″93).
Ha sfiorato la grande impresa anche la squadra di sciabola che ha ceduto soltanto nel finale a quella cinese a causa anche di un infortunio rimediato da Marco Tricarico: l’argento comunque rappresenta una bella soddisfazione grazie a Marco Ciari e Luigi Samele. La squadra femminile ha ottenuto il bronzo battendo le polacche con Maria Navarria, Giulia Rizzi e Marzia Muroni.
Gran tifo per la Serbia nella pallavolo ma le ragazze di Matteo Carancini sono state superbe superando lo sconforto per il 2-0 iniziale e chiudendo con tre vittorie nettissime, l’ultima per 15-12. Sugli scudi il libero Enrica Merlo e la capitana Serena Ortolani. Oggi alle 17,30 tornerà in campo la nazionale di calcio chiamata ad affrontare nei quarti la Repubblica Ceca: chi supererà questa sfida dovrà vedersela con la vincente di Serbia-Giappone. In gara anche pallanuoto, nuoto e fioretto con la squadra capeggiata dall’oro Claudia Pigliapoco.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Agraria, settore strategico per la Sardegna

Next Article

Il "sesso sicuro" fa tappa a Perugia

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".