Agraria, settore strategico per la Sardegna

sardegna.jpgSi terrà in autunno la Conferenza agraria della Provincia del Medio Campidano. Lo comunica con una nota la presidenza dell’ente, che spiega: «Le condizioni strutturali dell’agricoltura, le relazioni economiche con il settore della trasformazione, le politiche regionali, nazionali e comunitarie, la crisi economica globale e le novità del G8, la crisi dei consumi, le conseguenze nella realtà rurale del Medio Campidano, sono le motivazioni che hanno portato all’avvio del ciclo d’incontri preparatori per la Conferenza Agraria Provinciale del Medio Campidano, che ha l’obiettivo di riposizionare sullo scenario economico sardo il settore agrario come fonte di vita, occupazione e benessere».
«La Conferenza – spiega la nota della Provincia – cercherà una strada, condivisa con gli operatori agricoli, e le loro organizzazioni professionali, gli enti e le organizzazioni sociali, per riposizionare sullo scenario economico sardo il settore primario come fonte di vita, occupazione e benessere. Ciò consente analisi e indicazioni di prospettiva rivolte in particolar modo al mercato ed ai suoi problemi, a fronte di uno Sviluppo Rurale 2007/2013 ancora non in piena applicazione».
La Conferenza Provinciale sarà l’occasione per un confronto tra enti, organizzazioni professionali, mondo cooperativo ed associativo, ordini professionali e Università e istituti di ricerca, per valorizzare, in questo grave momento di crisi, l’agricoltura del Medio Campidano. In questa realtà della Sardegna si ha l’opportunità di partire proprio dall’innovazione introdotta dalla Provincia col progetto «Vivere la Campagna» al quale aderiscono un imponente numero di imprese agricole.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Formazione ad hoc siglata Isfol

Next Article

Universiadi, il medagliere tricolore

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.