uniOR: orientamento al lavoro

11 e 13 giugno “Finding your first job”: seminari sui principali strumenti di ricerca del lavoro, c.v. efficace, lettere di motivazione, stage e colloqui rivolti a 30 laureati e laureandi de L’Orientale

Finding your first job” è il titolo di un seminario di orientamento rivolto a laureandi e neolaureati di laurea triennale, magistrale/specialistica, vecchio ordinamento dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”.Scopo dell’iniziativa è aiutare a compiere i primi passi nel mondo del lavoro.

Il seminario si terrà nei giorni 11 e 13 giugno, dalle ore 10 alle ore 13, presso l’aula 2.3 di Palazzo del Mediterraneo, in via Marina 59 al II piano.

Nella prima giornata saranno illustrati i principali strumenti di ricerca del lavoro e le norme per scrivere un buon curriculum e un’efficace lettera di motivazione. Inoltre, si parlerà di stage e delle tecniche di ricerca attiva del lavoro, con particolare enfasi sul recruitment on line.

Nella seconda giornata si approfondiranno invece le varie modalità di colloquio utilizzate (dal colloquio individuale ai colloqui di gruppo) per concludere l’appuntamento con una simulazione di dinamica di gruppo.

Al termine della giornata sarà distribuita gratuitamente una copia del career book di Job Advisor.

L’iniziativa è a numero chiuso, per un massimo di 30 partecipanti.
Per candidarsi è necessario inviare una mail entro giovedì 7 giugno, allegando curriculum vitae e certificato di laurea a [email protected] e riportando nell’oggetto della mail: Finding your First Job Giugno 2012.
In alternativa, è possibile registrarsi nei giorni di apertura del Career Service (martedì dalle 10 alle 12.30 e giovedì dalle 11 alle 13.30).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il tempo della lotta alla mafia

Next Article

Almalaurea, in tempo di crisi ci si laurea prima

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale