Unimc:comunicato del Senato Accademico

Il Senato Accademico dell’Università di Macerata ha discusso il documento del 28 settembre rivolto agli organi di governo dell’Ateneo.

Il Senato Accademico dell’Università di Macerata ha ampiamente discusso il documento del 28 settembre 2010. indirizzato agli organi di governo dell’Ateneo da una parte dei docenti e ricercatori di tutte le Facoltà.
Il Senato Accademico, a seguito di tale discussione, unanime: riconferma quanto già  espresso all’unanimità in data 29 giugno 2010:
condivide le più vive preoccupazioni e il disagio della comunità accademica maceratese per i tagli economici degli ultimi anni, che rischiano di indebolire in modo irreparabile il sistema della ricerca e della formazione universitaria del nostro Paese;
ritiene in particolare irrinunciabile il contributo dei ricercatori allo sviluppo della ricerca e della didattica del sistema universitario, consapevole del fatto che tali provvedimenti arrecano loro ulteriori penalizzazioni;
considera eventuali azioni, volte a sospendere l’attività didattica già iniziata, non più percorribili in quanto ciò determinerebbe inevitabili disservizi per gli studenti che meritano, al contrario, il sostegno di tutto il corpo docente; conferisce infine mandato ai Presidi delle Facoltà di promuovere, sin da domani, incontri con tutte le componenti della comunità accademica, dei rappresentanti delle forze sociali, produttive e politiche del territorio, che favorisca e diffonda la conoscenza del ruolo fondamentale svolto dall’Ateneo per lo sviluppo della nostra Regione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mobilitazioni alla Sapienza

Next Article

Nasce il Caffè Giuridico

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".