Unige, Saviano inaugurerà l’anno accademico

Spetterà a Roberto Saviano il compito di inaugurare l’anno accademico 2010/2011 dell’Università di Genova tra metà novembre e metà dicembre. Nell’occasione riceverà una laurea honoris causa in Giurisprudenza.

Spetterà a Roberto Saviano il compito di inaugurare l’anno accademico 2010/2011 dell’Università di Genova tra metà novembre e metà dicembre. Nell’occasione riceverà una laurea honoris causa in Giurisprudenza.
Lo ha confermato il rettore Giacomo Deferrari a margine dell’apertura del salone dell’immatricolazione. «L’Università di Genova – ha detto il rettore Deferrari è felice di poter ospitare un personaggio come Saviano, attento alla legalità e ai diritti dei cittadini, ad aspetti forse trascurati in altre sedi governative».
«Su tutti i giornali si legge che la mafia imperversa, persino in Liguria – ha aggiunto – evidentemente c’è ancora molto lavoro da fare, personaggi come Saviano sono testimonial di questa lotta che deve andare avanti». Per motivi organizzativi e di sicurezza l’ateneo ligure non ha ancora annunciato il giorno dell’arrivo a Genova di Saviano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, ancora lotta contro i tagli

Next Article

Etica alla Biennale

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.