Unifi, nasce il master in ingegneria legale

Cominciano venerdì 14 gennaio alle ore 9,00 alla Facoltà di Ingegneria le attività del Master di II livello in Ingegneria Legale, attivato per la prima volta dal Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali dell’Università di Firenze

Cominciano venerdì 14 gennaio alle ore 9,00 alla Facoltà di Ingegneria (Via S. Marta, 3 – Aula Caminetto) le attività del Master di II livello in Ingegneria Legale, attivato per la prima volta dal Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali dell’Università di Firenze e coordinato da Dario Vangi.

All’incontro di inaugurazione partecipano, insieme al preside della Facoltà fiorentina di Ingegneria, Stefano Manetti, il presidente della Commissione Giustizia del Senato Filippo Berselli e Beniamino Deidda, procuratore generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Firenze. L’ingegnere legale è la figura professionale che in caso di eventi dannosi (incidenti sul lavoro e sulle vie di comunicazione, dissesti strutturali, vizi o difetti di macchinari o impianti meccanici…) può essere chiamata ad indagare sulle cause e sulle responsabilità o a quantificare le lesioni alle persone e i danni alle cose. Può assumere il ruolo di consulente tecnico di ufficio o di parte nei procedimenti giudiziari, negli arbitrati stragiudiziari o in veste di conciliatore.

Il Master, rivolto a laureati di secondo livello, fornisce un metodo di indagine inquadrando ciascuna fattispecie dal punto di vista giuridico/normativo e sotto l’aspetto tecnico.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Contro il crimine

Next Article

Premio Marco Biagi

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"