Unifi, nasce il master in ingegneria legale

Cominciano venerdì 14 gennaio alle ore 9,00 alla Facoltà di Ingegneria le attività del Master di II livello in Ingegneria Legale, attivato per la prima volta dal Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali dell’Università di Firenze

Cominciano venerdì 14 gennaio alle ore 9,00 alla Facoltà di Ingegneria (Via S. Marta, 3 – Aula Caminetto) le attività del Master di II livello in Ingegneria Legale, attivato per la prima volta dal Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali dell’Università di Firenze e coordinato da Dario Vangi.

All’incontro di inaugurazione partecipano, insieme al preside della Facoltà fiorentina di Ingegneria, Stefano Manetti, il presidente della Commissione Giustizia del Senato Filippo Berselli e Beniamino Deidda, procuratore generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Firenze. L’ingegnere legale è la figura professionale che in caso di eventi dannosi (incidenti sul lavoro e sulle vie di comunicazione, dissesti strutturali, vizi o difetti di macchinari o impianti meccanici…) può essere chiamata ad indagare sulle cause e sulle responsabilità o a quantificare le lesioni alle persone e i danni alle cose. Può assumere il ruolo di consulente tecnico di ufficio o di parte nei procedimenti giudiziari, negli arbitrati stragiudiziari o in veste di conciliatore.

Il Master, rivolto a laureati di secondo livello, fornisce un metodo di indagine inquadrando ciascuna fattispecie dal punto di vista giuridico/normativo e sotto l’aspetto tecnico.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Contro il crimine

Next Article

Premio Marco Biagi

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"