Unicam, un sito web da primato

unicam.jpgUn portale ricco di contenuti, accessibile e a misura di navigatore. Nell’ambito delle classifiche stilate dal Censis sulle Università italiane, che vedono l’Ateneo di Camerino primo tra le piccole università, un risultato straordinario viene raggiunto da Unicam per quanto riguarda proprio il sito web (www.unicam.it).
Il sito di Camerino è primo assoluto tra tutti i siti delle Università italiane, raggiungendo il punteggio massimo di 110 su 110, distaccando di ben 5 punti gli Atenei posizionati al secondo posto, tra i quali il Politecnico di Milano, Milano Statale, Firenze e Trento. I criteri con i quali viene stabilita la classifica del web riguardano l’usabilità ed i contenuti, segno che il sito d’Ateneo rispecchia in pieno la politica di comunicazione condivisa in Unicam: informazione ricca, accessibile a tutti.
“Il sito web – afferma il rettore Unicam Fulvio Esposito – rappresenta lo strumento attraverso il quale l’Università dichiara quello che fa e quello che vuole fare; diventa anche uno strumento di democrazia reale dal momento che tutti possono verificare se quanto dichiarato corrisponde la realtà. Il nostro Ateneo, inoltre, punta molto sull’internazionalizzazione, sull’apertura al mondo ed è proprio per questo che crede molto nelle potenzialità del web”.
“Per fare un esempio – prosegue il rettore – abbiamo qualche mese fa inaugurato un forum gestito interamente dagli studenti, in cui gli studenti stessi possono liberamente apprezzare quanto l’Ateneo fa per loro, ma sottolineare anche le mancanze ed i disservizi.”
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Gelmini sale al Colle per illustrare il programma

Next Article

Nordkapp in direzione Convivio

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".