Unicam, a lezione di rischio sismico

sismabruzzo.JPG“Come mai la città dell’Aquila, indicata dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ad alta pericolosità sismica, è stata classificata in zona 2, cioè di media pericolosità, nella Carta della Classificazione Sismica?” Partendo da questo inquietante interrogativo oggi il professor Emanuele Tondi – geologo, docente dell’Università di Camerino presso il Dipartimento di Scienze della Terra – ha approfondito il discorso nell’ambito di un seminario tenuto agli studenti del corso di laurea in Scienze Geologiche, dal titolo “Terremoti e rischio sismico: prime considerazioni sull’evento sismico dell’Aquila”.
Il professor Tondi ha spiegato cosa s’intende per zona 1 e zona 2 e qual è la differenza tra la Carta della Pericolosità Sismica e quella della Classificazione Sismica: “Nella Carta della Pericolosità Sismica, (redatta nel 2004 dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e pubblicata nel 2005), si vede chiaramente che la zona assiale dell’Appennino, al centro della quale si trova proprio L’Aquila, è una delle zone più pericolose, da un punto di vista sismico, della penisola italiana”.
Dunque: “Dalla Carta della Pericolosità Sismica deriva la Carta di Classificazione Sismica – dal 1998 di competenza regionale – strettamente correlata alle norme tecniche di costruzione in zone sismiche. Nella carta si individuano, tramite appositi criteri stabiliti da una legge nazionale, 4 zone che raggruppano le diverse aree di pericolosità sismica: la zona 1 è la più pericolosa e comprende accelerazioni al suolo che vanno da 0,250 a 0,275. Tutta la zona (di colore viola nella carta della pericolosità sismica) dell’Italia centrale dovrebbe essere quindi zona 1”.
Ma, se si osserva la carta della Classificazione Sismica, si vede che non è così.
Un fatto di cui il professore non riesce a capacitarsi: “Inspiegabilmente, la Carta della Classificazione Sismica che è legata alle norme tecniche per le costruzioni sismiche, posiziona L’Aquila in zona 2, quindi in una zona di pericolosità media, quando in realtà la pericolosità è alta. All’Aquila, quindi, sono state e vengono utilizzate, per la costruzione degli edifici, le stesse norme tecniche utilizzate in città nelle quali il terremoto non rappresenta un grave pericolo: qualcuno deve spiegare agli abruzzesi, e a tutti noi, come mai”.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Se i giovani non ri/conoscono l'Ictus

Next Article

Biesse, la tecnologia cresce in azienda

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".