Unibo, nuove mete per l'erasmus extraeuropeo

L’Ateneo di Bologna offrirà ai propri studenti, dal prossimo anno, 17 nuove mete in cui trascorrere il proprio periodo di Erasmus, tutte rigorosamente extra-europee.
Gli studenti bolognesi che sognano di trascorrere un periodo di studio in paesi come l’India e la Cina, ma anche Brasile, Cuba, Argentina, potranno farlo grazie ai , i nuovi finanziamenti dell’Unione europea per il programma di mobilità e cooperazione internazionale in campo universitario Erasmus mundus external cooperation window. Più numerose, probabilmente più del doppio delle attuali, saranno anche le borse di studio offerte a studenti extra-europei che vogliono venire in Italia e studiare all’ombra delle due torri.
Soddisfatto il prorettore alle relazioni internazionali Roberto Grandi: “Questa capacità dell’Università di Bologna di vincere progetti europei e quindi di ottenere borse cospicue per la mobilità di ricercatori, docenti, studenti e l’ iscrizione di studenti stranieri al nostro ateneo è ancora più significativa in un periodo di decremento dei fondi attribuiti alle università a livello nazionale. Ancora una volta l’Alma Mater è in grado di ottenere a Bruxelles una parte di ciò che non riesce ad ottenere a Roma. E’ l’ulteriore conferma che puntare sulla internazionalizzazione paga e permette all’ateneo di essere, in questo settore, il primo in Italia e tra i primi in Europa.”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, 5 punti per il merito

Next Article

Universiadi, avvio tra le polemiche

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.