Una donna su tre in Africa si schiarisce la pelle

Una donna nera su tre in Sudafrica si schiarisce la pelle. A dirlo, uno studio della University of Cape Town. Secondo i ricercatori, le ragioni sono molteplici come le culture del luogo, ma la maggior parte elle persone dichiara di usare prodotti che raggiungono questo effetto perche’, semplicemente, vogliono la pelle bianca.

I pericoli associati all’uso di alcune di queste creme includono cancro al sangue come la leucemia e tumori al fegato e reni. Inoltre c’e’ anche il rischio di malattie gravi come la ocronosi, una forma di iper-pigmentazione che induce un colorito viola scuro della pelle” spiega Lester Davids, principale autore dello studio. ”Sono poche le persone che in Sudafrica e i Africa conoscono la concentrazione dei composti tossici che sono contenuti in questi prodotti, spesso recuperati dal mercato nero”, aggiunge lo scienziato.

Negli scorsi sei anni si e’ avuto un incremento significativo nel numero dei mercati che offrono prodotti per lo sbiancamento della pelle, m Si tratta di pratiche che, a lungo andare, provocano danni alla pelle molte volte irreversibili. In molte regioni di Africa e Asia, le donne con pelle piu’ chiara sono considerate piu’ belle. Secondo l’Oms, i nigeriani sono i maggiori consumatori di questi prodotti: il 77 per cento delle donne usa regolarmente questi prodotti, seguite dal 59 per cento delle donne del Togo, dal 35 per cento di quelle sudafricane e dal 25 per cento di quelle del Mali.olti dei quali sono illegali.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Per tornare in forma dopo le feste: 30 secondi di sport al giorno

Next Article

I bimbi imparano la lingua da quando sono nella pancia

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.