Una borsa di studio per ricordare gli studenti vittime del terremoto

Schermata 2013-04-04 a 15.21.41

Una borsa di studio per mantenere vivo il ricordo dei 55 studenti universitari morti a causa del terremoto de L’Aquila: e’ l’obiettivo del premio Avus istituito dall’Associazione Vittime Universitarie del Sisma e presentato a Roma nella sede del Consiglio Nazionale dei Geologi (Cng).

”Si tratta di un premio – ha spiegato Michele Orefici, consigliere del Cng – dedicato agli studenti universitari che hanno affrontato una ricerca nel campo della sicurezza sismica degli edifici e per garantire la sicurezza delle persone”. I fondi della borsa Avus sono stati raccolti grazie alla pubblicazione del libro ‘Macerie dentro e fuori’, scritto dal giornalista Umberto Braccilli, e hanno permesso di istituire finora un solo premio.

”Puntiamo pero’ – ha aggiunto Sergio Bianchi, presidente di Avus – a rinnovarlo negli anni. Speriamo cosi’ di non dimenticare gli errori che sono stati fatti nel passato e rinnovare il ricordo dei tanti ragazzi scomparsi”. Un premio quindi volto ad aumentare la sensibilita’ nei confronti della sicurezza e la consapevolezze dei rischi del territorio con cui dobbiamo imparare a convivere.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

400 milioni per 21 progetti: nel sud al via lo svecchiamento degli Atenei

Next Article

Grazie a Profumo la bimba non vedente andrà a scuola

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".