Un quinto dei ghiacciai potrebbe sparire entro il 2100

Schermata 2013-03-08 a 09.53.18

Un quinto dei ghiacciai del Canada potrebbe scomparire entro la fine del secolo a causa del riscaldamento terrestre. E’ quanto si legge nello studio pubblicato sulla rivista Usa Geophysical Research Letters, in cui i ricercatori scrivono che il riscaldamento farà alzare di 3,5 centimetri il livello degli oceani.

“Anche a fronte di un’ipotesi di un moderato aumento delle temperature, è molto probabile che il ghiaccio si sciogli a un ritmo allarmante”, ha scritto Jan Lenaerts, meteorologo dall’Università di Utrecht, in Olanda, e principale autore dello studio. Una riduzione del 20% dei ghiacciai del Canada corrisponde a un aumento di 3 gradi Celsius della temperatura media della Terra, anche se nell’area dei ghiacciai l’aumento sarebbe ancora più marcato, pari a 8 gradi, secondo lo studioso, il quale ha tenuto a sottolineare che questo non sarebbe comunque lo scenario peggiore.

Se infatti i ghiacciai del Canada, la terza area ghiacciata al mondo dopo Antartide e Groenlandia, dovessero ritirarsi del tutto, il livello del mare salirebbe di 19,7 centimetri. Gli scienziati hanno quindi invitato il mondo della politica a tenere in cosiderazione tale scenario, ricordando che dal 2000 a oggi la temperatura nell’Arcipelago artico canadese è aumentata da uno a due gradi Celsius e che il volume del ghiacchio è già diminuito in modo significativo.

“Grande attenzione è rivolta a Groenlandia e Antartide, che è comprensibile, perchè sono le due realtà ghiacciate più grandi del mondo – ha sottolineato il co-autore dello studio, Michiel van den Broeke, sempre dell’Università di Utrecht – tuttavia, con questa ricerca vogliamo dimostrare che i ghiacciai canadesi dovrebbero essere inclusi nei calcoli sull’innalzamento del livello del mare”. (

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Per l'8 marzo alla Sapienza le studentesse donano il sangue

Next Article

Dalla laurea a Johnson & Johnson

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.