Un PON per creare una scuola “aperta” concepita come civic center

Il Programma operativo nazionale (PON) “Per la Scuola – competenze e ambienti per l’apprendimento” è uno strumento importante per sostenere le politiche italiane in materia di Istruzione per riformare la scuola italiana con il contributo della collettività. Il Programma interessa il settennio 2014-2020 ed è destinato a finanziare sia interventi di natura materiale, tramite il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), sia azioni immateriali, tramite il Fondo Sociale Europeo (FSE).
Questo PON ha una duplice finalità: da un lato perseguire l’equità e la coesione, favorendo la riduzione dei divari territoriali, il rafforzamento delle scuole contraddistinte da maggio ritardi e il sostegno degli studenti caratterizzati da maggiori difficoltà; dall’altro, promuovere le eccellenze per garantire a tutti l’opportunità di accedere agli studi, assicurando a ciascuno la possibilità del successo formativo e la valorizzazione dei meriti personali, indipendentemente dal contesto socio-economico di provenienza.
Qualità degli apprendimenti e inclusività della formazione rappresentano i due assi portanti di questa strategia di intervento, orientata a sostenere l’innovazione mediante l’ampliamento degli orari di apertura e delle tipologie di attività offerte dalle scuole. Una scuola “aperta” concepita come civic center destinata non solo agli studenti, ma anche alla cittadinanza, polo di aggregazione delle comunità locali dove promuovere azioni di prevenzione del disagio giovanile e di contrasto alla dispersione scolastica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fioramonti: "Senza deleghe non posso lavorare"

Next Article

Blockchain, che cos'è e come potrebbe rivoluzionare il mondo dell'istruzione

Related Posts
Leggi di più

Docenti poco rispettati dagli studenti? “È soprattutto colpa dei genitori”

Un sondaggio di Swg per la Gilda Insegnanti prova a capire la cause che hanno portato alla perdita di autorevolezza della figura dell'insegnante. Per la maggioranza degli intervistati la causa principale è lo screditamento della figura del prof messo in atto dai genitori degli studenti con continue interferenze nell'ambito didattico.