Un mese ai test d'ingresso

Facoltà a numero programmato: ecco le date.

Ancora un mese di tempo per i neo diplomati prima del fatidico test d’ingresso per le facoltà a numero programmato.
Il Miur, già lo scorso mese, rese note le date dei test per le facoltà che in Italia richiedono questa prima selezione. E sono Architettura, Economia, Ingegneria, Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Professioni sanitarie e Scienze della Formazione. Ripetiamo ancora una volta le date che, ricordiamo, sono comuni a tutti gli atenei e si svolgono alla stessa ora e nella stessa modalità:
Architettura, il test è fissato per il 7 settembre alle ore 11.00;
Economia, il test è fissato per il 13 settembre alle ore 15.30;
Ingegneria, il test è fissato per l’1 settembre alle ore 11.00;
Medicina e Chirurgia, il test è fissato per il 2 settembre alle ore 11.00;
Odontoiatria, il test è fissato per il 3 settembre alle ore 11.00;
Professioni Sanitarie, il test è fissato per l’8 settembre alle ore 11.00;
Scienze della Formazione, il test è fissato per il 20 settembre alle ore 11.00
Per tutte le informazioni visitare la sezione d’interesse sul sito internet del Miur.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lezioni all'aperto per aule in più

Next Article

Giovani avvocati per un carcere più civile

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.