Un consulente legale per Unionalimentari

L’associazione industriale nazionale Unionalimentari seleziona un consulente legale da inserire nella sede di Roma.
I candidati ideali sono laureati in Giurisprudenza, con ottima conoscenza del pacchetto Office e della lingua inglese, attitudini interpersonali e commerciali.
Necessarie, inoltre, sono la residenza su Roma e la disponibilità immediata. Costituirà titolo preferenziale una cognizione normativa nel settore alimentare. Il contratto offerto è a progetto.

Gli interessati alle selezioni potranno inviare il curriculum via email all’indirizzo [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma, stage nelle telecomunicazioni

Next Article

Edilizia scolastica, "La Gelmini si dimetta"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.