Uma estrela tra arte e poesia

Accademia di Belle Arti e Università L’Orientale insieme per costruire un ponte culturale tra Napoli e Lisbona attraverso l’uomo, il politico, lo scrittore Manuel Alegre.

Un progetto interculturale fatto di racconti, poesie ed immagini. Parliamo di “Visioni e Passioni partenoportoghesi”, l’iniziativa ideata dall’associazione Kolibrì e che ha fatto da contenitore alla due giorni napoletana di incontro con Manuel Alegre.

Accademia di belle Arti di Napoli e Università L’Orientale insieme per costruire un ponte culturale tra Napoli e Lisbona attraverso l’uomo, il politico, lo scrittore che Alegre rappresenta per la contemporaneità. La prestigiosa Accademia ha ospitato il primo incontro nell’aula magna di recente inaugurazione alla presenza del Direttore Giovanna Cassese e del Presidente Sergio Sciarelli.
Alegre, uomo di grande impegno politico e sociale, ha appassionato gli studenti in sala con la lettura di un componimento scritto appositamente per Napoli, una Napoli in cui tutto è possibile, dove le persone camminano per strada e i motorini sui marciapiedi, una città azzurra.

Manuel Alegre

Tra le opere dello scrittore, un racconto poetico per bambini Uma Estrela/Una stella pubblicato in Italia da Sinnos Editrice rappresentata alla cerimonia da Della Passarelli. Le illustrazioni del libro a cura di Katiuscya Dimartino sono state esposte nella biblioteca “Anna Caputi” dell’accademia.

Ad ammirare le illustrazioni nella biblioteca aperta nuovamente al pubblico in occasione dell’evento, anche il Sindaco de Magistris cui è giunta la richiesta del Direttore Cassese di far si che i luoghi di cultura siano anche di aggregazione serale e notturna.

E proprio in merito alle illustrazioni, agli allievi del corso di grafica d’arte è offerta la possibilità di di partecipare ad un concorso creando le illustrazioni per un nuovo libro bilingue di Alegre. Il premio consisterà proprio nella pubblicazione editoriale e in una mostra delle opere vincitrici.

Martina Gaudino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Beni confiscati, beni in comune

Next Article

Giornata mondiale contro la violenza alle donne a Napoli

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".