Udu vinto ricorsi al Tar: riammesso lo studente disabile

Il Tar Lazio accoglie il ricorso dell’Unione degli Universitari e ammette al corso di laurea in Medicina e Chirurgia dell’Ateneo romano della Sapienza un altro studente disabile. “Il TAR Lazio – si legge nel comunicato  dell’Udu – censura ancora una volta il comportamento dell’Ateneo romano verso gli studenti disabili rilevando che al ricorrente, disabile rispetto agli altri concorrenti in quanto affetto da “dislessia” non appaiono essere state offerte in sede di svolgimento delle prove a test, le condizioni e gli strumenti appropriati a tale suo particolare stato”.

Secondo il Tar del Lazio sono sorrette da sufficienti elementi di buon esito le censure del candidato con le quali lamenta di “non essere stato messo in grado di concorrere mediante strumenti appropriati al suo particolare stato, in condizioni di parità con altri candidati”.

Nonostante diverse sentenze e ordinanze, anche del Consiglio di Stato, continuano a verificarsi episodi censurabili e censurati presso l’Università di Roma La Sapienza a danno di soggetti disabili.

“Non è la prima volta che si verificano fatti del genere alla Sapienza, siamo già dovuti intervenire legalmente per una ragazza cieca a cui durante la prova non erano stati offerti i supporti in braille” – tuona il coordinatore dell’UDU Michele Orezzi soddisfatto per la vittoria, ma particolarmente amareggiato per un episodio del genere – “continueremo a difendere i diritti degli studenti disabili affinché fatti del genere non abbiano più a ripetersi”.

“Vista la gravità della situazione avevamo cercato di evitare il contenzioso con La Sapienza scrivendo direttamente al Rettore, chiedendo anche la ripetizione della prova per il nostro candidato – riferisce l’avvocato dell’UDU, Michele Bonetti – Di fronte ad un diniego formale dell’Ateneo l’UDU non ha potuto far altro che rivolgersi alla Magistratura che ha condannato, ancora una volta, La Sapienza ad ammettere al corso di laurea lo studente”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Educazione, AAA cercasi maschi

Next Article

A Siena si studia la storia europea

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".