Udu: studenti nel campus della GDF abruzzese

udusmall.jpgL’Unione degli universitari torna a chiedere che parte degli alloggi della Guardia di Finanza dell’Aquila vengano concessi agli studenti. Dai dati in possesso dell’Udu, sottolinea l’organizzazione studentesca, “anche a seguito del questionario svolto nei giorni scorsi, saranno circa 2.000 gli studenti che, rispondendo al censimento della Protezione Civile, hanno richiesto un alloggio universitario”.
“A queste richieste – prosegue l’Udu – andranno aggiunte le necessità di coloro che abitavano in case classificate a,b,c e quelle delle nuove matricole che andranno ad aumentare le esigenze del fabbisogno abitativo studentesco. Pertanto andrà considerato un numero di alloggi almeno doppio rispetto alle richieste che verranno fuori dal censimento della Protezione Civile”.
L’Unione degli Universitari dell’Aquila, alla luce di questi dati, “richiede di nuovo con forza a tutti gli attori istituzionali di concedere una parte degli alloggi della Scuola della Guardia di Finanza agli studenti”. Secondo l’Udu “sarebbe inoltre paradossale far vivere gli sfollati nel campus della Gdf (solo poco più di un migliaio tra l’altro) e costringere gli studenti a prendere casa in affitto nelle frazioni abitate in precedenza dagli sfollati stessi”.
L’Udu a questo punto “chiede chiarezza a tutti gli attori istituzionali. Duemila studenti hanno richiesto un alloggio universitario nel censimento della Protezione Civile. Che soluzione ci sarà per loro? e per gli altri studenti che abitavano in case a,b,c? e per le nuove matricole? Se la risposta non sarà la Guardia di Finanza, di fatto si decreta il dimezzamento degli studenti del nostro ateneo. Se si continua su questa linea – conclude l’Udu – fra tre anni avremo migliaia di alloggi, ma non ci saranno più coloro che dovrebbero abitarli”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Se il cromosoma Y perde colpi

Next Article

Guida alla Scelta - Veterinaria Medico degli animali, tanti profili

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale