Udu, in piazza per gli atenei del Sud

L’Unione degli universitari scende oggi in sette piazze del Mezzogiorno insieme alla Cgil per chiedere un cambio di passo nelle politiche che riguardano il meridione. L’Udu intende porre l’attenzione sull’investimento sui giovani, “su un investimento che guardi in prospettiva per l’emancipazione delle future generazioni che nascono nel Sud del Paese”.

“Gli Atenei, nelle regioni del Mezzogiorno in modo particolare, a causa del taglio dei fondi, rischiano – afferma l’associazione studentesca – il dissesto finanziario e il nuovo sistema di accreditamento proposto dal governo rischia di creare Atenei di serie A e al sud Atenei di serie B aumentando così le diseguaglianze sociali”.

“Saremo in piazza – sottolineano – per chiedere un investimento serio nella formazione universitaria e nella ricerca, per chiedere un diritto allo studio come strumento per guardare al futuro, saremo nelle piazze del Mezzogiorno perché non si guardi più al Sud come un peso che il Paese deve trascinarsi ma come una risorsa che ha bisogno di un investimento per guardare al futuro”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Univaq, 212 posti alla Reiss Romoli

Next Article

Climate change. Ricerca del cambiamento

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).