Udu, in piazza per gli atenei del Sud

L’Unione degli universitari scende oggi in sette piazze del Mezzogiorno insieme alla Cgil per chiedere un cambio di passo nelle politiche che riguardano il meridione. L’Udu intende porre l’attenzione sull’investimento sui giovani, “su un investimento che guardi in prospettiva per l’emancipazione delle future generazioni che nascono nel Sud del Paese”.

“Gli Atenei, nelle regioni del Mezzogiorno in modo particolare, a causa del taglio dei fondi, rischiano – afferma l’associazione studentesca – il dissesto finanziario e il nuovo sistema di accreditamento proposto dal governo rischia di creare Atenei di serie A e al sud Atenei di serie B aumentando così le diseguaglianze sociali”.

“Saremo in piazza – sottolineano – per chiedere un investimento serio nella formazione universitaria e nella ricerca, per chiedere un diritto allo studio come strumento per guardare al futuro, saremo nelle piazze del Mezzogiorno perché non si guardi più al Sud come un peso che il Paese deve trascinarsi ma come una risorsa che ha bisogno di un investimento per guardare al futuro”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Univaq, 212 posti alla Reiss Romoli

Next Article

Climate change. Ricerca del cambiamento

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.