Udine presenta l'offerta formativa

uniud.jpgRazionalizzazione e internazionalizzazione. Per l’anno accademico 2009/2010 l’offerta didattica delle 10 facoltà dell’Università di Udine (scaricabile qui) punta su questo binomio e prevede 42 corsi di laurea triennale (1 in meno rispetto all’anno precedente) e 37 corsi di laurea specialistica o magistrale (11 in meno). La riduzione dei numeri riflette lo sforzo di ottimizzare e nel contempo di dare sostegno alla qualità, tenendo conto dell’evoluzione normativa (applicazione della riforma prevista dal DM 270/04), ma anche di precise scelte, mirate alla semplificazione e al rafforzamento organizzativo dei percorsi.
«Il processo di applicazione del DM 270/2004 – spiega il rettore Cristiana Compagno – ha avviato, sia a livello nazionale che locale, una fase caratterizzata dalla revisione complessiva dell’offerta formativa, focalizzata su sostenibilità e validità qualitativa dei corsi di studio. A Udine, la sfida che ci siamo posti è stata quella di affrontare questo passaggio non in termini di puro “taglio”, ma cogliendo l’occasione per compiere delle scelte di rilancio qualitativo».
In particolare, «rispetto all’a.a. 2008/2009 – precisa il rettore – le facoltà hanno verificato la complementarietà di alcuni percorsi formativi e, laddove possibile, hanno progettato percorsi unici più chiari e in grado di valorizzare le sinergie nell’ottica della semplificazione e dell’efficienza dei percorsi didattici a favore degli studenti».
«Dobbiamo calibrare accuratamente l’offerta – aggiunge il delegato per l’innovazione e razionalizzazione dell’offerta didattica, Fabio Vendruscolo – cercando il punto di incontro tra le dimensioni e le caratteristiche delle risorse, innanzitutto umane, a disposizione e quelle della domanda di formazione da parte dei giovani e delle famiglie».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Esperimenti in zero-G per arricchire la propria tesi

Next Article

Dieci domande sull’Università

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale