Dieci domande sull’Università

dom.jpgIl decalogo di domande riproposto ad libitum prende piede anche nel mondo accademico. Il primo passo lo fanno oltralpe: sul sito francese Sauvons l’Université (Salviamo l’università) è stato pubblicato un appello ai candidati delle prossime elezioni europee. L’introduzione recita: “Appello ai candidati, partiti politici, collettivi e cittadini affinché la campagna delle elezioni europee ponga finalmente la questione dell’istruzione superiore e della ricerca. Lontano dalle buone intenzioni e dai luoghi comuni abituali, dieci domande poste ai candidati da Salviamo l’università”.
Ecco allora l’elenco:
1) La concorrenza generalizzata, è migliore dell’emulazione accademica?
2) La precarizzazione, un modo di gestione efficace della ricerca?
3) Valutazione per sanzionare?
4) Professionalizzazione o formazione?
5) La classifica di Shangai, vitello d’oro dell’Europa della conoscenza?
6) Autonomia, nuovo paradiso accademico?
7) Governance, nuova arte di governare?
8 ) Finanziamento su progetto, pietra filosofale della ricerca moderna?
9) Semplificazione o moltiplicazione delle strutture burocratiche?
10) Indebitamento a vita, uno strumento radioso per gli studenti?
Gli autori del sito propongono le loro risposte: collegialità ed emulazione al posto della concorrenza; stabilità invece di precarizzazione; una valutazione che valga da sostegno; formazione prima della professionalizzazione; classifiche più precise; autonomia sì ma scientifica; collegialità piuttosto che governance; stabilità dei finanziamenti; pluralità delle strutture di ricerca e d’insegnamento; infine, uno Stato che garantisca l’accesso all’università in quanto servizio pubblico.
L’Andu, associazione dei docenti universitari, ha fatto proprie queste richieste, sollecitando anche una riflessione sulle analogie con la situazione d’oltralpe, e nello specifico sulle “origini” delle leggi francesi (e italiane) che “provengono da decisioni prese a livello internazionale”. “È particolarmente impressionante – spiegano i docenti – l’analogia tra il nuovo ruolo del rettore-padrone (presidente) e i compiti e la composizione del suo Consiglio di Amministrazione previsti dalla legge francese e quanto previsto dalle bozze di DDL ministeriali e del PD”.
Ora che le risposte arrivino dall’Italia o dalla Francia poco importa. Basta che qualcuno ci pensi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Udine presenta l'offerta formativa

Next Article

Milano, a giugno capitale della Scienza

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"