Twitter4Uni – Contest di idee per universitari: in palio uno stage retribuito

Sognate di lavorare in un ambiente innovativo e tecnologico? Amate le sfide e avete in mente grandi progetti? Siete dei comunicatori nati? Allora #Twitter4Uni è l’iniziativa che fa per voi. Il famoso social network ha ideato un contest rivolto agli studenti delle università italiane ed in particolare a chi immagina di costruirsi un futuro nel settore del marketing e comunicazione digitale: in palio la possibilità di uno stage retribuito nella sede milanese di Twitter.
#Twitter4Uni è aperto a tutti gli studenti che abbiano un’idea che illustri un uso di Twitter ai fini di business, marketing, service.  Si può partecipare individualmente o in gruppo (fino a un massimo di 5 persone per team). Requisiti richiesti sono: avere tra i 18 e i 30 anni; essere iscritti a un’università italiana e avere un account Twitter personale.
Gli obiettivi secondo cui strutturare i vostri progetti sono: apportare un contributo aziendale strategico (promozione di un prodotto, customer care, comunicazione, raccolta dati etc.); migliorare un servizio (aziendale, del proprio territorio, dell’università); informare la popolazione o una specifica target audience (i partecipanti ad un evento, gli utenti di un servizio, i consumatori etc.).
Anche l’occhio vuole la sua parte, per cui i promotori del contest suggeriscono di presentare il progetto in maniera originale e innovativa. Nessun limite di formato purché il tutto sia caricato in un file pdf e racconti i benefici dell’idea, il bisogno a cui risponde, il target a cui si rivolge.
In palio c’è un colloquio per ottenere uno stage retribuito di 6 mesi nel team marketing di Twitter Italia. Se lo aggiudica il miglior candidato tra coloro che avranno presentato i tre progetti migliori. Una giuria Twitter esaminerà tutti i progetti e inviterà presso i suoi uffici di Milano per un colloquio i tre finalisti (individui o gruppi).
Il contest verrà presentato nelle sedi di diverse università italiane: prima tappa a Roma, Università di Tor Vergata, il 31 Marzo.
Scadenza per presentare le vostre idee è il 23 Maggio 2015. Ogni partecipante dovrà iscriversi compilando l’apposito form e caricando il file pdf direttamente sul sito del contest. Per tutta la durata del progetto, un team di esperti sarà a disposizione sull’account Twitter @Support4Uni per rispondere alle domande degli studenti.
Scarica il Regolamento definitivo Twitter4Uni
Scarica il Brief Twitter4Uni definitivo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Specializzazioni mediche Il Consiglio di Stato ammette 300 ricorrenti

Next Article

Università, arriva il decreto: "Salvati i corsi a rischio"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.