Twitter e vaccini: l’Università di Pisa rivela che la maggioranza degli italiani è a favore

L’ opinione pubblica in Italia è favorevole ai vaccini: quanto emerge da uno studio dell’Università di Pisa .

L’ opinione pubblica in Italia è favorevole ai vaccini: quanto emerge da uno studio dell’Università di Pisa .

La ricerca pubblicata su ‘IEEE Intelligent Systems’ ha messo a punto un innovativo strumento di analisi che si avvale dell’Intelligenza Artificiale

A dispetto del ‘rumore’ e del flusso di ‘cinguettii’ che specie sui social media esprimono posizioni fortemente contrarie, l’opinione pubblica su Twitter in Italia è in realtà leggermente più favorevole che contraria ai vaccini. E’ questo quanto emerge da uno studio dell’Università di Pisa pubblicato sulla rivista ‘IEEE Intelligent Systems’ e condotto da Alessio Bechini, Pietro Ducange, Francesco Marcelloni e Alessandro Renda del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione.

I quattro ricercatori hanno messo a punto un originale metodo di analisi dell’opinione pubblica che si avvale dell’Intelligenza Artificiale. L’indagine ha riguardato circa 30mila utenti e 100mila tweet scritti dal settembre 2016 al giugno 2017 selezionati attraverso una lista di parole chiave come ad esempio #iovaccino o ‘rischio vaccinale’.

“E’ la prima volta che un sistema di Intelligenza Artificiale viene usato allo scopo di stabilire un trend di opinione in Italia su questo tema – spiega Francesco Marcelloni – grazie a tecniche avanzate di Machine Learning abbiamo addestrato il nostro sistema a classificare gli utenti di Twitter come favorevoli, contrari o neutrali ai vaccini, il tutto concentrandoci appunto sugli utenti e non sui singoli tweet”.

L’aspetto innovativo è stato infatti proprio il mettere al centro gli ‘utenti-persona’, piuttosto che i tweet. Questo rovesciamento di prospettiva ha permesso di eliminare le variabilità dettate da singoli messaggi estemporanei, di monitorare un eventuale cambio di opinione nel tempo e di escludere dal campione gli utenti troppo ‘rumorosi’ che se conteggiati avrebbero falsato i risultati a causa del gran numero di tweet prodotti, senza tuttavia corrispondere a gruppi di opinione realmente numerosi. Non ultimo questo approccio ha consentito un’analisi differenziata a livello geografico che ha permesso di individuare sottili differenze fra le varie regioni, mettendo in primo piano Roma e Milano come le aree del Paese più attive sul tema vaccini.

“Le ricerche che stiamo conducendo possono essere utili ai decisori politici per progettare campagne informative e azioni efficaci a partire da una comprensione profonda dell’opinione pubblica – conclude Francesco Marcelloni – questo appare oggi più che mai necessario vista l’attuale pandemia che ha messo ancora una volta in primissimo piano il dibattito sui vaccini”.“

pisatoday

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Covid, "vaccini a over 80 e insegnanti". Ma prima di un mese non se ne parla

Next Article

Sciopero 11 gennaio, gli studenti protestano: “Vogliamo tornare a scuola in sicurezza”

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"