Tutte le occasioni dai villaggi vacanze

Opportunità nei villaggi turistici ma questa volta non per animatori: Club Med, azienda leader nel settore dei villaggi vacanze assume moltissime figure professionali da inserire nelle proprie strutture da villeggiatura.
I posti sono tanti e vanno dal macellaio al panettiere, dal barman allo chef. Nel dettaglio Club Med assume addetti alla ristorazione, camerieri, copi partita, capi pasticcere, commis di cucina, hostess ristorante, lavapiatti, magazzinieri, pasticceri, rosticcieri e responsabili di ristorante.
L’azienda offre una formazione continua grazie a corsi gratuiti di perfezionamento. Tutti coloro che intendono candidarsi per i posti liberi Club Med non devono far altro che inviare un curriculum vitae con foto e autorizzazione al trattamento dei dati personali all’indirizzo Club Med, Risorse Umane Villaggi, via Montecuccoli 30/32, 20147 Milano.
Il materiale può anche essere spedito via email all’indirizzo di posta elettronica [email protected]

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Ferrara in riunione plenaria

Next Article

Festival del Documentario per giovani registi

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.