Troppi insulti: la studentessa da record costretta a chiudere il suo profilo Instagram

Carlotta Rossignoli, la 23enne che si era laureata in tempi record in Medicina, ha deciso di cancellare il suo profilo sul popolare social. Troppi gli insulti che le sono piovuti addosso dopo le polemiche sulla fine del suo percorso universitario.

È riuscita nell’impresa di laurearsi in Medicina con il massimo devi voti e in un tempo record ma si è dovuta arrendere all’odio nei suoi confronti sui social network e così ha deciso di chiudere il suo profilo Instagram. Dopo giorni di polemiche e accuse, Carlotta Rossignoli, la studentessa, influencer e modella veronese, ha deciso di chiudere il suo profilo social. Quasi certamente per la tempesta di odio che si è scatenata contro di lei dopo che un articolo di Selvaggia Lucarelli su “Domani” aveva sollevato alcuni interrogativi sulla sua carriera universitaria all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia all’Università Vita-Salute del San Raffaele di Milano.

Le accuse di favoritismo

La notizia sulla sua laurea a tempi di record aveva fatto il giro del web e subito si erano scatenate le polemiche, via social, ma soprattutto da parte di altri studenti della facoltà di Medicina che hanno chiesto chiarimenti all’ateneo sulle tempistiche della laura di Carlotta. C’è chi ha parlato di “esami a porte chiuse” svolti dalla 23enne e di “favoritismi” non meglio precisati, mentre alcuni studenti hanno sottolineato la difficoltà pratica di finire esami, corsi e svolgere i tirocini obbligatori.

L’ateneo: “Nessuna irregolarità”

L’Università Vita-Salute da parte sua aveva risposto alle critiche e alle richieste di chiarimento degli studenti con una nota del rettore Enrico Gherlone, in cui spiegava che Carlotta ha conseguito il diploma di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia “nel corso del primo semestre del sesto anno, anziché al termine dello stesso, opzione questa che ogni studente di UniSR ha il diritto di chiedere, previo conseguimento di tutti i crediti formativi previsti e avendo svolto i tirocini obbligatori anticipatamente”.

Premiata da Mattarella

La 23enne, che in passato è stata premiata dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella come Alfiere del lavoro per la maturità classica conseguita con 100 e lode in quattro anni, in un primo momento aveva incassato le critiche con un “non ti curare di loro ma guarda e passa”, scritto su Instagram. Poi negli ultimi giorni aveva continuato a postare sul social come se nulla fosse. Ma i commenti di odio si sono moltiplicati e la 23enne dottoressa in Medicina ha quindi deciso di gettare la spugna.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bicocca, studenti protestano per le aule affollate e chiedono di ritornare allo streaming

Next Article

Usa, sparatoria all’Università della Virginia: studente uccide tre ragazzi

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".